#madecheseragiona

Quello che ci dicono i bronzi di San Casciano

. Inserito in #madecheseragiona
di Paolo Brandi

Non so in quale modo la scoperta delle statue di S. Casciano dei Bagni riscriverà la storia, non ho le competenze per dirlo. Certo è intrigante veder riemergere dal fango quei bronzi che recano i segni del passaggio dalla civiltà etrusca al periodo romano. Quello che so è che oggi, tante persone, rilanciano nei social questa notizia.

Con le fatwa non si fa politica

. Inserito in #madecheseragiona
di Paolo Brandi

Non c’è cosa peggiore, come avrebbe detto Cicerone, che sbagliare di continuo, giacché “chiunque può sbagliare; ma nessuno, se non è uno sciocco, persevera nell'errore.” A me pare che nella sinistra in generale e nel PD in particolare, non si sia capito che dopo il 25 settembre tutto è cambiato. Quello che è avvenuto prima è storia, quello che succederà dopo è un cantiere aperto. Per questo non si può andare avanti come se niente fosse accaduto.

La libertà di fare quello che mi pare

. Inserito in #madecheseragiona
di Paolo Brandi

Rischia di essere un colossale imbroglio l’affermazione per cui il provvedimento del nuovo governo che sanziona “l’invasione di terreni o edifici per raduni pericolosi per l’ordine pubblico o l’incolumità pubblica o la salute pubblica”, sia pensato “solo” contro i Rave Party.

Il Pd scenda dal mondo di sopra a quello di sotto

. Inserito in #madecheseragiona
di Paolo Brandi

Credo che Gianfranco Pasquino abbia alcune ragioni quando scrive che il Partito democratico è irriformabile perché “non sarà riformato da tutti coloro che ne hanno tratto prestigio, cariche e sostentamento per almeno un paio di decenni. Non sarà riformato semplicemente sostituendo i vecchi con i giovani, riducendo il numero degli uomini per ampliare gli spazi politici a favore delle donne che, spesso, sarebbero quelle che si sono accodate agli uomini potenti”.

Enrico Mattei, un esempio che vale ancora oggi

. Inserito in #madecheseragiona
di Paolo Brandi

27 ottobre 1962 – 27 ottobre 2022, sono passati sessanta anni. Il 27 ottobre del 1962 Enrico Mattei perse la vita in quello che la magistratura di allora dichiarò essere un incidente aereo e che oggi sappiamo essere stato un attentato. Il mistero di chi furono i mandati è facile da risolvere: basta guardare le decisioni assunte da Mattei nel corso della sua esistenza.