“Sirene e campane”, la paura e la speranza

. Inserito in Attualità

Nel libro della Misericordia di Arezzo dall’emblematico titolo di “Sirene e campane” la memoria storica del primo anno di pandemia da COVID19. E di come abbiamo voluto affrontarlo, per il bene di tutti

Ricordiamo che è uscito e in distribuzione il libro illustrato che abbiamo prodotto, dal titolo “Sirene e campane”, editore “DIPLE”.

Narra il periodo più tetro della pandemia, pervaso com’è stato dal più inquietante senso d’ignoto, in pratica l’intero 2020, quindi prima ondata e ingresso nella seconda, per come la Misericordia di Arezzo ha affrontato tutta l’emergenza, in massimo spirito di volontariato, con le proprie tante attività in campo sociale e sanitario: un esempio di profonda, radicata solidarietà – reciproca – con tutta la cittadinanza e il territorio di Arezzo.

E’ il racconto documentato – mediante interviste, testimonianze e tante foto, per 200 pagine con 200 immagini, in formato di pregio, da collezione – di un periodo che non dovrà essere dimenticato. Intanto perché non ne siamo affatto fuori, neppure adesso che ci sono i vaccini, né potremo uscirne tanto presto. Poi perché ne arriveranno altri, di guai del genere: non è più questione di “se”, ma solo di “quando”. Mentre di certo c’è solo che potremo almeno evitare – se davvero lo vorremo – di farci trovare impreparati come stavolta!

Così ripercorrere ciò che è accaduto nelle nostre zone, che è quanto il libro soprattutto riporta, può essere colto anche in un’ottica generale, trovandovi infinite corrispondenze di significato: “agire locale ma pensare globale”, dunque, in quest’opera non è più solo un modo di dire bensì un continuo toccare con mano momenti mai vissuti prima, diventati subito storia. E si scopre che quanto successo qui è assimilabile – con le dovute proporzioni di scala e di situazione – a ciò che è successo un po’ ovunque, in tutte le Misericordie (insieme alle altre associazioni del volontariato), in Toscana, in Italia e nel mondo.

Il libro può essere acquistato in Arezzo nelle librerie Feltrinelli Point, via Garibaldi, 107; Mondadori, via Roma, 15; e Edison Book Store, piazza Risorgimento, 31. Oltre naturalmente a poterlo comprare direttamente presso la Misericordia di Arezzo, via Garibaldi, 143, in orario d’ufficio. Chi è già Socio può averlo praticamente in regalo, a libera offerta, anche solo simbolica. Infine, chiunque può ordinarlo al prezzo di costo da libreria di 18,00 Euro – come da copertina – con una e-mail agli estremi della casa editrice: DIPLE Edizioni, via Forese, 7 – 50063 Figline e Incisa Valdarno (FI). Website: www.dipleedizioni.it E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Tel.: 055 9157095 Cell.: 333 4875190

In ogni caso, per sottoscrizione contrattuale tra l’autore, l’editore DIPLE e la stessa Misericordia di Arezzo, tutti i rispettivi proventi della distribuzione del libro, sotto qualunque forma pervenuti, dalle donazioni alle vendite, andranno integralmente a confluire in un fondo cha la Misericordia di Arezzo vincola all’impiego nel sostegno di operazioni e progetti d’aiuto a famiglie rese bisognose dalla pandemia, tipo “persone fragili”, “spesa solidale”, insomma le cosiddette “nuove povertà”, che purtroppo già da mesi e sempre più spesso si affacciano in giro, conseguenti alla crisi sanitaria.

Non dimenticando mai che nessuno si salva da solo: la solidarietà è il valore prioritario che tutti dobbiamo conservare per cavarcela veramente.

Dunque, se volete informarvi appassionandovi di conseguenza, se volete evitare di dimenticare e se volete con ciò anche partecipare a un’operazione di autentico aiuto al prossimo, ora sapete come farvi tutti questi regali racchiusi e concentrati in uno solo.

Tags: EF-A Misericordia di Arezzo

Romano Barluzzi

Romano Barluzzi

Highlander dalle molte vite, tra cui ne spiccano due - da tecnico sociosanitario e da istruttore subacqueo - coltivo con inguaribile curiosità la passione per i mestieri più a rischio d'estinguersi, perciò mi ostino a fare il giornalista.