Arezzo secondo Tiziano: "Non c'è frittata che tenga" Ar24Tv

. Inserito in Viaggi e Turismo

Golosi di tutto il mondo, venite ad Arezzo! È un invito a scoprire i piaceri della tavola toscana quello che Tiziano rivolge al suo pubblico nel nuovo spot che da giovedì 27 maggio è online

Prosegue all’insegna dell’ironia la campagna promozionale “Arezzo secondo Tiziano” con cui la Fondazione Arezzo Intour intende rilanciare la destinazione turistica Arezzo. Protagonista Tiziano Barbini, attore aretino con la sindrome del cromosoma 15 scelto come testimone di un racconto “inconsueto”, colorato e talvolta perfino sgrammaticato, che vuole presentare in maniera autentica e lontana da ogni retorica una terra meravigliosa.

È questo il terzo degli otto spot che compongono la mini serie, che verranno resi pubblici con cadenza settimanale ogni giovedì sul portale di destinazione turistica discoverarezzo.com e sulle pagine social della Fondazione Arezzo Intour. Una scelta “controcorrente” che punta a un preciso obiettivo comunicativo: esaltare l’autenticità di un territorio dove la bellezza e la verità vanno di pari passo, offrendo al viaggiatore l’esperienza unica di sentirsi “cittadino”.

Un progetto unico che unisce la promozione turistica alla promozione sociale e che nasce dalla sinergia tra la Fondazione Arezzo Intour e la Poti Pictures, la prima casa di produzione cinematografica sociale al mondo che ha sede ad Arezzo e che ha realizzato gli spot della campagna.

Nata oltre 10 anni fa da un'idea del regista Daniele Bonarini, la Poti Pictures lavora con persone che hanno disabilità intellettive importanti e offre loro la possibilità di imparare un mestiere difficile in un contesto altamente professionale e inclusivo.

La campagna di promozione turistica arricchisce le pagine di Discover Arezzo (www.discoverarezzo.com) il nuovo portale per il turista, ideato e realizzato dalla Fondazione Arezzo Intour, che, attraverso innovativi strumenti digitali invita a scoprire una terra senza tempo dove ciascuno può progettare, programmare e compiere “un viaggio su misura”.

Tags: Poti Pictures Fondazione Arezzo Intour tiziano barbini arezzo secondo tiziano