Arezzo lotta e impressiona: passa Crotone, ma gli amaranto fanno tremare lo Scida - Foto

. Inserito in Sport

Partita dai tanti colpi di scena: Crotone avanti di due reti, Arezzo capace di riacciuffare il risultato e ribaltarlo. I padroni di casa pareggiano e nel secondo tempo siglano la rete decisiva. Gran carattere della squadra amaranto, gara spettacolare

Crotone-Arezzo, match del secondo turno di Coppa Italia 2019/20 va in scena allo Scida. Grande attesa per vedere all’opera le due formazioni in questa gara da dentro o fuori. In palio il pass della qualificazione al turno successivo. Le due squadre hanno dato spettacolo.

Photo credits: D'Urso

Inizio choc per la squadra amaranto, stasera in maglia bianca e senza capitan Cutolo, infortunato e Sereni, squalificato per doppio giallo nella gara di sette giorni fa al Città di Arezzo vinta 1 - 0 contro la Turris: dopo 6 minuti i padroni di casa conducono già per 2 reti a 0. Al 1′ gol di Barberis, che approfitta di un’indecisione della difesa amaranto e 5 minuti dopo raddoppio di Simy. Un risultato che avrebbe freddato chiunque, non gli amaranto di Daniele Di Donato schierati a trazione anteriore col modulo 4 - 2 - 4, che si rimboccano subito le maniche e reagiscono allo stordimento iniziale. Al 10' la riscossa inizia con Borghini: il difensore amaranto taglia sul primo palo sulla battuta di un calcio d’angolo, incrocia sul palo e accorcia. Cinque minuti dopo azione solitaria di Cheddira che viene atterrato in area. L'arbitro, Ivano Pezzuto di Lecce, concede il calcio di rigore e ammonisce l'autore del fallo, Bellodi. Dagli 11 metri trasforma il penalty Belloni. È 2 - 2. Poco più di 15 minuti, 4 reti, spettacolo, l'Arezzo gioca al pari dell'ambizioso Crotone, che, vale la pena ricordarlo, disputa il campionato di serie B. 

Non finisce qui. Lo scoppiettante primo tempo dello Scida regala ancora grandi emozioni, per la gioia dei 20 coraggiosi tifosi giunti da Arezzo dopo 8 ore e passa di viaggio, ai quali si sono aggiunti alcuni vacanzieri aretini che non hanno voluto far mancare il proprio sostegno al Cavallino. Tutti a stropicciarsi gli occhi, quando Baldan di testa su calcio d’angolo impegna Cordaz al 21'. È l'avvisaglia del gol del sorpasso amaranto, che arriva un minuto dopo: tiro di Cheddira, respinta corta dell'estremo pitagorico Cordaz, sulla palla si avventa Rolando che serve l’assist a Zini, il quale insacca il vantaggio amaranto. Vanificato, al minuto 33, dal pari di Golemic. Si va al riposo dopo altri due sussulti dei calabresi, con la difesa amaranto in affanno.

Si torna in campo con la sensazione che i fuochi artificiali non siano ancora finiti. E così è: le due squadre giocano a viso aperto (forse troppo) e non mancano le emozioni: al 48′ clamorosa occasione per l’Arezzo: Baldan di testa, su calcio d’angolo battuto da Belloni, sfiora il palo. Rolando, ammonito nel primo tempo, fa spazio a Caso, poco dopo Volpicelli rileva il provato Zini. Tre cambi per i padroni di casa, tra cui quello che si rivelerà decisivo ai fini del risultato: esce Messias, entra Zak. Dopo avere sprecato con Zanellato e Simy, il Crotone torna in vantaggio al minuto 74 proprio con il numero 27 Zak da poco subentrato. Di Donato prova la carta Mesina al posto di Belloni a 8 minuti dalla fine.

Non c'è più tempo, nonostante i tentativi amaranto, i rossoblu accedono al terzo turno di Coppa Italia. Se la vedranno contro la Sampdoria. L'Arezzo ci ha provato e ha sperato, soprattutto dopo la rete del sorpasso. La formazione di Di Donato, in partita fino alla fine, ha lottato alla pari contro una squadra di categoria superiore, mettendo in mostra buone trame di gioco, ma soprattutto generosità e un gran carattere, oltre ad una capacità reattiva che è molto piaciuta e che lo scorso anno a volte è mancata. Tutto questo lascia ben sperare per l'imminente avvio del campionato. 

Crotone-Arezzo 3-3

Crotone (3-5-2): 1 Cordaz; 5 Golemic, 8 Spolli (25' st 6 Gigliotti), 13 Bellodi; 17 Molina, 21 Zanellato, 10 Benali, 18 Barberis, 28 Rutten; 25 Simy, 30 Messias (23' st 27 Zak).
A disposizione: 22 Festa, 3 Cuomo, 7 Mustacchio, 14 Crociata, 15 Itrak, 19 Gomelt, 20 Kargbo, 26 Evan's, 29 Panza, 32 Nanni.
Allenatore: Giovanni Stroppa.

Arezzo (4-2-4): 1 Pissardo; 16 Luciani, 5 Borghini, 27 Baldan, 14 Masetti; 8 Foglia, 6 Basit; 7 Belloni (37' st 9 Mesina), 30 Cheddira, 11 Zini (15' st 31 Volpicelli), 23 Rolando (7' st 20 Caso).
A disposizione: 22 Daga, 2 Mosti, 4 Buglio, 13 Maestrelli, 21 Bruschi, 24 Burzigotti, 25 Sussi, 28 Raja, 29 Tassi.
Allenatore: Daniele Di Donato.
Squalificati: 3 Sereni (1). Infortunati: 10 Cutolo.


Arbitro: Ivano Pezzuto di Lecce (Domenico Rocca di Catanzaro - Valerio Vecchi di Lamezia Terme). Quarto uomo: Daniele De Santis di Lecce.
Reti: pt 1' Barberis, 6' Simy, 10' Borghini, 16' Belloni, 22' Zini, 32' Golemic; st 29' Zak.
Note - Spettatori: 4.380 circa. Ammoniti: pt 19' Rutten, 25' Rolando; st 33' Benali.

 

Tags: S.S. Arezzo Crotone Coppa Italia

Guido Albucci

Guido Albucci

Di tante passioni, di molti interessi. Curioso per predisposizione, comunicatore per inclinazione e preparazione