Arezzo, con la Vis Pesaro Stellone chiede "la partita della vita. Tanti assenti, voglio 7 punti in tre gare" Video

. Inserito in Sport

"Loro sono tranquilli, noi abbiamo problemi di formazione: Perez fuori per due o tre gare, Karkalis ha problemi al flessore, Cherubin squalificato, rientra Serrotti". Così Stellone, che tornerà in panchina dopo la sospensione della squalifica, presenta la sfida con i marchigiani

Ancora tanti assenti nell'Arezzo che si appresta ad affrontare la Vis Pesaro: a Piu, Maggioni, Belloni, Picchi, Pesenti, e Zuppel (con la Primavera), si aggiungono Perez, Karkalis e Cherubin. L'allenatore dell'Arezzo Roberto Stellone, che domani tornerà in panchina dopo che il Giudice Sportivo ha sospeso la squalifica, chiede ai suoi di "giocare come se fosse l'ultima partita, dobbiamo staccarci dal Ravenna e avvicinarci a Legnago e Fano. Un partita da affrontare con rabbia e determinazione". "Un peccato - aggiunge - aver passato la stagione da ultimi in classifica, i ragazzi si applicano e si impegnano, sono convinto che riusciremo ad arrivare a giocarci i play out e in doppia gara possiamo dire la nostra. Sia i giocatori che l'allenatore hanno tutte le motivazioni necessarie per lottare per la permanenza in categoria. Tutto dipende da noi". Stellone non ha voluto anticipare, come fatto in altre occasioni, la formazione e lo schema degli amaranto, ma le scelte, complici le numerose assenze, paiono obbligate. 

Al termine della conferenza, Mister Stellone ha diramato la lista dei 20 convocati che prenderanno parte ad Arezzo-Vis Pesaro, valida per la trentacinquesima giornata di campionato di Serie C 2020/21 in programma domenica 11 aprile allo stadio "Città di Arezzo" alle ore 17:30.

Questo l'elenco completo:

Altobelli, Arini, Benucci, Carletti, Cutolo, Di Grazia, Di Nardo, Di Paolantonio, Iacoponi, Kodr, Luciani, Melgrati, Pinna, Sala, Sbraga, Serrotti, Stampete, Sussi, Ventola, Zitelli. 

Tags: S.S. Arezzo Vis Pesaro

Nicola Brandini

Nicola Brandini

Laureato in Lettere tra Arezzo e Bologna. Residente in Valdichiana ma vivente ad Arezzo, dove lavora come addetto stampa nella società di calcio della città. Gli piace ascoltare storie, raccontarle e mangiare pizza. Alto, biondo, occhi azzurri ma momentaneamente sprovvisto di cavallo bianco. Un giorno vorrebbe essere un giornalista, nel frattempo prova a farlo.