Lega Pro incontra i medici sociali delle squadre, Ghirelli chiede tamponi rapidi. Sospesi i campionati Primavera

. Inserito in Sport

Francesco Braconaro: "I campionati vanno avanti grazie allo sforzo dei dottori". Gennaro Lamberti: "Noi di Federlab a fianco delle squadre". Francesco Ghirelli: “Servono tamponi rapidi, altrimenti non reggiamo

Lega Pro ha riunito in video conferenza i medici sociali dei club con Francesco Braconaro, membro della commissione medico scientifica federale e rappresentante dei medici sportivi della Lega Pro e Gennaro Lamberti, presidente Federlab Italia. Un incontro incentrato sul lavoro e sul ruolo decisivo dei medici per garantire che il campionato si svolga in piena sicurezza.

“Se il campionato va avanti - ha spiegato Francesco Braconaro - questo lo dobbiamo anche ai medici delle società. Sono sottoposti a ritmi di lavoro intensi e si confrontano con situazioni estremamente mutevoli, pensiamo al rinvio delle partite in caso di positività al coronavirus. Stanno facendo uno sforzo straordinario”. 

Nel corso dell’incontro è stato riconosciuto di grande sostegno a livello sanitario e come opportunità di riduzione dei costi l’accordo siglato in estate da Lega Pro con Federlab. “Lavoriamo a fianco delle società e le accompagniamo in questo momento così delicato, offrendo un servizio di qualità e risposte tempestive alle diverse esigenze” ha detto il presidente di Federlab Italia Lamberti.  

“Ad oggi, a causa del Covid-19, siamo intervenuti spostando l’orario di 32 partite e lo abbiamo fatto con una linea di governance precisa e studiata: seguendo il protocollo, il buon senso, sopportando i disagi, dandoci la mano, evitando isterismi e litigi. Il mio grazie va ai presidenti e ai medici per la grande professionalità e la totale abnegazione”

ha dichiarato Francesco Ghirelli, presidente di Lega Pro.

“Anche i club stanno facendo sacrifici importanti, specie di natura economica ed organizzativa, e l’introduzione dei tamponi rapidi sarebbe di grande aiuto” prosegue Ghirelli. “Inoltre, sarebbe importante poter beneficiare da parte del governo di misure che alleggeriscano le spese sanitarie che i club affrontano, penso ad esempio al credito d’imposta”.

Il presidente della Serie C è intervenuto anche a proposito del caso del Palermo di cui ha rimarcato la gestione.

“Richiederemo al ministro Speranza una direttiva per coordinare l’intervento delle ASL con l’obiettivo di armonizzarlo con il rispetto del protocollo e che venga data priorità ai club delle isole per programmare tutto al meglio, tenendo conto delle conseguenze degli spostamenti in attesa dell’esito dei tamponi. Vorrei ringraziare l’Asp di Palermo perché ha evitato il rischio, segnalando il pericolo. Ci siamo trovati di fronte ad un caso particolare, e abbiamo gestito l’emergenza”.

Lega Pro sta anche lavorando per migliorare la tempistica di refertazione degli esiti dei tamponi, introducendo un processo che consenta, in caso di presunta positività, di ripetere il tampone e di averne il risultato in maniera ancor più tempestiva.

Intanto la Lega Pro ha deciso di sospendere fino al 24 novembre il Campionato Primavera. Una decisione presa dal Presidente Francesco Ghirelli coadiuvato dal Presidente della Figc Gabriele Gravina, da Paolo Dal Pino, Presidente della Lega di Serie A e dal Presidente della Lega di Serie B Mauro Balata. Il continuo aggravarsi della situazione epidemiologica del Paese ha portato il Governo a emanare una serie di misure restrittive volte al contenimento del Covid-19 comprese nell’ultimo Dpcm, in vigore fino al 24 novembre. Il Presidente Ghirelli spiega i motivi di questa scelta:

“Dobbiamo agire per preservare la salute dei nostri giovani atleti e nel contempo evitare un ulteriore aggravio di costi per le nostre società che stanno già subendo danni devastanti. La Figc ha sospeso i campionati giovanili. E anche noi come Lega Pro sospendiamo per il momento le gare in programma dal 31 ottobre al 24 novembre del Campionato Primavera 3-Dante Berretti”.

Tags: Lega Pro Coronavirus

Paolo Galletti

Paolo Galletti

Laurea in scienze politiche, da quando ha memoria ricorda solo il colore amaranto incitato sugli spalti di mezza Italia. Visceralmente legato alla maglia ed alla città si augura prima o poi di vedere accadere il miracolo sportivo che ancora non è mai avvenuto.