“Chianina Covid”, la Valdichiana diventa un set per il ciclismo vintage

. Inserito in Sport

La Chianina Ciclostorica è stata ricostruita in una versione ristretta per realizzare un cortometraggio. Il fine settimana, riservato ai tesserati de La Chianina, ha ricostruito un set tra più luoghi e iniziative

La ciclostorica adattata ai tempi del Coronavirus. Il fine settimana di Marciano della Chiana è stato caratterizzato da una speciale “Chianina Covid - La ciclostorica che non c’è” che, con il coinvolgimento dei tesserati dell’associazione La Chianina, si è sviluppata attraverso due giornate di iniziative orientate a realizzare un cortometraggio dedicato all’evento di ciclismo vintage tra storia e attualità. La sesta edizione de La Chianina Ciclostorica era stata annullata a causa dell’emergenza sanitaria, ma gli organizzatori hanno ricostruito un evento in scala tra pedalate, ambientazioni e iniziative collaterali, nel rispetto delle misure previste per la prevenzione del contagio da Covid-19.

“Chianina Covid” si è aperta con il ritrovo a Marciano della Chiana già dal sabato, per una giornata che è stata caratterizzata dalla ricostruzione in piazza del set per il cortometraggio: gli ambienti della ciclostorica (dagli strumenti agricoli tipici della cultura contadina fino all’allestimento della Biblioteca del Ciclista e al mercatino con le maglie di lana del passato), una cena all’aperto e una lettura di racconti sul ciclismo storico. Nel corso della serata, inoltre, è stata annunciata la vincitrice della quinta edizione del concorso nazionale di grafica umoristica Chianina Comics dal tema “Amarcord delle biciclette” con un omaggio a Federico Fellini a cent’anni dalla nascita: la miglior vignetta è stata realizzata da Virginia Cabras, autrice di origini sarde ma attualmente in Irlanda, per la sua opera dal titolo “Chianina Ekberg”.

Il cuore del fine settimana è stata la pedalata della domenica, con un set itinerante attraverso il percorso breve de La Chianina su 45 chilometri di strade bianche e bucolici paesaggi tra i territori di Marciano della Chiana, Foiano della Chiana, Lucignano, Monte San Savino e Civitella in Valdichiana. La mattina si è aperta con i saluti di Giancarlo Brocci, fondatore de L’Eroica che ha confermato il rapporto di amicizia con la ciclostorica della Valdichiana, e con l’esecuzione dell’inno d’Italia, mentre a dare il via al gruppo di ciclisti in qualità di starter è stato il sindaco di Marciano della Chiana Maria De Palma. La piccola carovana con maglie di lana e biciclette vintage ha vissuto una pausa con la ricostruzione di un ristoro presso l’azienda agricola San Luciano dove è stata registrata una sosta di gusto tra vini e altri prodotti tradizionali del territorio.

«“Chianina Covid” - commenta Roberto Apolloni, presidente de La Chianina Asd, -ha rappresentato un’occasione per ricostruire e vivere la nostra ciclostorica in un formato ridotto a causa delle limitazioni imposte dal Coronavirus, prevedendo la registrazione di un cortometraggio capace di raccontarne i momenti, le emozioni, i sorrisi e i luoghi. L’appuntamento con tutti i ciclostorici, comunque, resta fissato per la prossima estate: La Chianina tornerà da venerdì 18 a domenica 20 giugno 2021, con l’auspicio di ospitare e abbracciare i nostri amici provenienti da tutta Italia e dall’estero».

Tags: La Chianina Marciano della Chiana La Chianina Ciclostorica