Cena elettorale di FdI a Monte San Savino, La Russa: "È ora di una Toscana a guida diversa" Ar24Tv/Foto

. Inserito in Politica

Non solo Monte San Savino. La Valdichiana ha accolto Ignazio La Russa con un doppio appuntamento. Prima l'inaugurazione a Cesa del nuovo circolo "Valdichiana Tricolore" e poi la cena elettorale di Fratelli d'Italia al Podere Pendolino

 

La giornata in provincia di Arezzo del vicepresidente del Senato si è conclusa con la partecipata cena elettorale di Fdi. Oltre 250 le prenotazioni ricevute da militanti e simpatizzanti per incontrare il senatore e i candidati di Fratelli d'Italia per il Consiglio regionale.

Parlando delle elezioni regionali in Toscana, Ignazio La Russa si è detto tranquillo:

"A me interessa che cosa sarà della Toscana e lo decideranno i toscani. La verità è che in questo momento c'è chi sta tremando. Chi era convinto di avere già vinto in Toscana - parlo del centrosinistra, della sinistra -, visto che secondo i sondaggi siamo testa a testa, vive nel terrore.

Quasi che fosse un dovere continuare a governare per sempre. Invece, come tutti sanno, la buona alternanza democratica prevede che chi sta troppo al governo stia un po' all'opposizione. Perché si è troppo abituato a comandare, ha instaurato rapporti non sempre trasparenti, si è abituato a una certa supremazia involontariamente ritenuta obbligatoria. E allora, stiano un po' all'opposizione. Poi se sono bravi fra qualche anno magari possono tornare a governare, ma è giunto il momento che la Toscana abbia una guida diversa da quella degli ultimi anni, per provare a liberarsi da troppi pesi e cominciare a camminare veloce.

La Toscana ha bisogno di entusiasmo, non di radicamento dei soliti agganci con quel potere, quell'ambiente, quelle persone, quel modo di stare a rapporto. Ha bisogno di aria fresca, per prima cosa, credo anche di idee, e le nostre idee non sempre coincidono con quelle della sinistra, non solo a livello amministrativo ma ancor di più a livello nazionale.

Quando noi diciamo di volere la sovranità ci chiamano sovranisti no? Vogliamo dire che secondo noi la sovranità appartiene al popolo. Non appartiene ai centri di potere, al potere economico, a poteri fuori dall'Italia addirittura. Lo stesso vale per la Toscana: riteniamo che la gente debba cominciare ad essere al centro dello sviluppo toscano e non sempre le solite centrali di potere, di ricatto morale in qualche caso o di intrallazzo. Aria fresca, apriamo le finestre. Come era quella vecchia canzone? 'È primavera, svegliatevi bambine'. Ecco, svegliamoci!".

Anche Gabriele Veneri, capolista di Fdi per le elezioni regionali, è intervenuto durante l'evento:

"Innanzitutto parto dall'orgoglio di far parte di un gruppo così forte e così impegnato. Corriamo in otto, ognuno di noi ha delle caratteristiche specifiche però tutti insieme alla fine lavoriamo per far sì che questo partito riesca a crescere e a conquistare quello che gli spetta. Condividiamo in questo percorso i nostri valori: la famiglia, il lavoro, le nostre eccellenze, l'agricoltura, il manifatturiero e l'artigianato. Questi sono i nostri obiettivi e questo è il valido motivo per votare Fratelli d'Italia alle prossime elezioni e dare la preferenza. Importantissimo 'mettere la x' se vogliamo mandare un aretino alla Regione Toscana.

Gabriele Veneri è un orafo ed è molto attaccato al territorio, alle nostre tradizioni. Vorrei lavorare per l'intero manifatturiero, per gli orafi che conosco in special modo. Però in questo mio percorso, in questa campagna elettorale ho avuto la possibilità e l'onore di conoscere tantissima gente di tantissimi settori, dall'agricoltura ai Vigili del Fuoco. Credo dunque che ci sia tanto da fare, da sburocratizzare. Vorrei che le persone riniziassero a camminare a testa alta e che si sentissero dire dei sì anziché dei no e facilitare il nostro percorso".

 

Fratelli d'Italia ha inaugurato la nuova sede della Valdichiana, a Cesa, con la partecipazione dei candidati alle prossime elezioni comunali e regionali del 20 e 21 settembre. Ma non solo, perché a tagliare il nastro è stato uno dei massimi dirigenti del partito, uno dei fondatori, il vicepresidente del Senato Ignazio La Russa. La cerimonia è stata breve e sobria, con solo un brindisi a sancire l'importanza dell'avvenimento prima della cena conviviale che ha seguito. "Essere qui oggi ad inaugurare questo nuovo circolo di Fratelli d'Italia", ha detto il senatore La Russa, "è per me un grande onore. Ed anche una grande emozione, simile a tante altre già vissute, ma sempre nuova ed importante. Come quando una famiglia già grande cresce ancora ed aumenta il suo numero".

La cena conviviale per festeggiare, organizzata al ristorante Podere Pendolino, è stata aperta dal saluto di Francesco Macrì alle centinaia di simpatizzanti intervenuti, nel corso del quale ha voluto ricordare in modo particolare "tutti quei militanti e quelle persone che, con il loro lavoro e il loro impegno, stanno permettendo da anni a Fratelli d'Italia di esserci, crescere e vincere", prima di passare la parola per un indirizzo di saluto al sindaco di Castiglion Fiorentino Mario Agnelli.

"Sono onorato di essere qui, in mezzo a così tante persone. Un evento del genere, fino a pochi anni fa, avrebbe potuto essere organizzato in spazi molto più piccoli", ha commentato il primo cittadino del borgo della Valdichiana, "è la conferma dell'ottimo lavoro fatto in questi anni, che ha permesso a Fratelli d'Italia di crescere al punto di diventare un vero e proprio punto di riferimento nella politica italiana e locale".

Nel corso della serata ha preso la parola anche l'avvocato Alessandra Cheli, difensore di fiducia di Fredy Pacini, noto alle cronache nazionali per la vicenda giudiziaria che lo sta vedendo protagonista: vittima di una serie di frutti nella sua officina, decidento di dormire nell'ufficio per tentare di scoraggiare i malviventi, colpì a morte un ladro entrato nei locali della sua azienda nel novembre del 2018. "È un problema che nasce dalle modifiche alla legge sulla legittima difesa. Dopo la decisione di pochi giorni fa del tribunale, Fredy Pacini si trova a dover ancora rispondere alla giustizia solo per essersi difeso dall'ennesimo furto. Questa è una legge che dovrà essere cambiata il prima possibile".

"Abbiamo la grande occasione di poter davvero vincere le prossime consultazioni", ha detto il senatore La Russa nel suo intervento. "Fratelli d'Italia ha ormai ampiamente raggiunto un consenso tale da poter essere forza di governo. I nostri avversari lo sanno e ci temono, hanno paura di noi e della nostra forza, che sicuramente confermeremo tutti insieme fra pochi giorni. Sarà un decisivo cambiamento per la Toscana".

Tags: Regione Toscana Francesco Macrì Mario Agnelli Monte San Savino Fratelli d'Italia Fredy Pacini Cesa Gabriele Veneri elezioni regionali Alessandra Cheli Ignazio La Russa

Giulia Senesi

Giulia Senesi

Laureata in Filologia, Letteratura e Storia dell’antichità. Sono una grande amante di viaggi e cinema; parlo inglese, spagnolo e un po’ di tedesco. Credo che la scrittura abbia un effetto catartico.