Scontro tra due autobus con 50 feriti ad Arezzo, ma è un'esercitazione: nel fine settimana Emerprov 2018

. Inserito in Sanità

Due autobus che si scontrano in viale Duccio da Boninsegna ad Arezzo. Accadrà sabato mattina, quando verrà simulata un'emergenza: interverranno 60 persone tra volontariato, medici e infermieri. Esercitazioni in programma per tutto il week end

Si terrà questo fine settimana, presso l’area spettacoli viaggianti di Via Leonardo da Vinci (Arezzo) da venerdì fino a domenica 10 novembre l’EMERPROV 2018, patrocinata da Comune di Arezzo e Provincia di Arezzo e con la collaborazione di Vigili del Fuoco, Centrale Operativa 118 di Arezzo, Asl di Arezzo e gruppo Sismax. Un weekend di formazione, corsi ed esercitazioni dedicato alla protezione civile e ai Volontari e alle Volontarie che operano in tale ambito.

La cronaca dell’ultimo periodo ce lo mostra in maniera evidente; solo nell’ultimo mese la Croce Rossa Italiana – Comitato di Arezzo è stata coinvolta in numerosi interventi: il 25 settembre nelle operazioni di prevenzione e contenimento dell’incendio che ha colpito il Monte Serra (PI), il 30 ottobre a Grosseto, in supporto ai Vigili del Fuoco per il ripristino della viabilità in seguito alla caduta di alberi per il forte vento e negli ultimi giorni una squadra è partita in direzione Veneto, per portare aiuto nei territori del bellunese dove la tempesta di vento ha abbattuto migliaia di alberi, isolato paesi e creato notevoli problemi e disagi agli abitanti della zona. Doveroso quindi mantenersi aggiornati ed essere sempre pronti a qualsiasi eventualità, per intervenire rapidamente ma soprattutto con competenza ove ve ne sia bisogno.

L’Emerprov 2018 inizierà nel pomeriggio di venerdì, con l’allestimento del campo base e l’inizio dei corsi di formazione dedicati: corso Operatore in Emergenza, corso logista NBCR (rischio nucleare, batteriologico, chimico e radiologico), corso Soccorritore Sismax (soccorritore in maxiemergenze) che dureranno fino alla domenica pomeriggio e vedranno coinvolti docenti e allievi provenienti da tutta la Toscana.

Nella giornata di sabato si terranno invece le esercitazioni: presso l’area spettacoli viaggianti, visibile anche al pubblico interessato all’evento, ci sarà la simulazione di maxiemergenza Sismax dal sabato mattina fino al termine delle operazioni, mentre nel pomeriggio, nei boschi intorno Arezzo, i nuclei di cartografia, droni, cinofili e SMTS (Soccorsi con mezzi e tecniche speciali) saranno coinvolti nelle operazioni di simulazione ricerca dispersi.

Obiettivo della giornata di sabato: simulare un incidente tra due autobus con 50 feriti. Le attività di soccorso vedranno impegnate in primis le realtà locali, quelle dell’Area Vasta sud est (Arezzo, Siena e Grosseto) e in seguito tutta la colonna regionale, con i vigili del fuoco e il volontariato (Croce rossa, ANPAS e Misericordie). E’ prevista anche la partecipazione del Meyer.

Sarà una giornata molto importante per tutti noi e per la cittadinanza – spiega Luca Pancioni, Disaster Manager 118 Arezzo – Abbiamo ricevuto mandato dalla Regione di organizzare queste simulazioni e ad Arezzo arriveranno in tanti per esercitarsi. Gli aretini, dunque, non si allarmino se sabato sentiranno sirene di ambulanze: è il nostro modo di “studiare” come muoversi in occasione di maxiemergenze. Andremo avanti fino a metà pomeriggio

Sarà l’occasione per verificare tutte le procedure di soccorso e dei vari ruoli. L’esercitazione proseguirà fino al trattamento di tutti i 50 feriti e non saranno coinvolte le strutture ospedaliere – conclude Massimo Mandò, direttore Emergenza Urgenza Asl Toscana sud est -  Infine si precisa che non ci saranno riduzioni nei soccorsi sanitari da parte della Centrale Operativa del 118. Accanto alla simulazione, tutto il resto del nostro lavoro rimane invariato”.

L’Emerprov 2018 terminerà domenica, con gli esami abilitanti dei corsi di formazione e lo smontaggio del campo base.

Tre giorni sicuramente faticosi e impegnativi, ma che sapranno dare le giuste indicazioni a Leardo Romanelli, delegato regionale alla protezione civile della Croce Rossa Italiana e a tutto il suo staff, per avere Volontari sempre più pronti, preparati e competenti nell’affrontare le emergenze e portare aiuto e sollievo alle popolazioni in difficoltà.

 

 

 

Tags: 118

Redazione Arezzo24

Redazione Arezzo24