Dall'Umbria alla Toscana per il vaccino, Ceccarelli: “Serve rispetto delle regole”

. Inserito in Regione Toscana

“Sorprende sapere dal sindaco di Città di Castello, che i cittadini umbri vengono in Toscana a vaccinarsi a causa delle carenze nell’organizzazione della sanità umbra, ma credo che il bene primario che dobbiamo tutelare a livello nazionale sia il raggiungimento degli obiettivi individuati dal Governo per giungere al più presto alla cosiddetta immunità di gregge”.

Così, il capogruppo del Pd in Consiglio regionale Vincenzo Ceccarelli commenta il comunicato diffuso ieri dal sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta. “Da un lato – prosegue Ceccarelli - mi preme esprimere la soddisfazione per la risposta che il nostro sistema sanitario sta dando ai toscani e non; dall’altro, però, mi sembra giusto sottolineare che ai cittadini umbri chiediamo il pieno rispetto delle regole fissate dall’ordinanza del generale Figliuolo, nella quale si dispone che i cittadini di una regione possono essere vaccinati anche in altri territori regionali, ma solo nel caso in cui abbiamo un lavoro continuativo o il loro domicilio nella regione in cui fanno il vaccino. In questo senso – conclude Ceccarelli - chiederei all’Asl competente di porre in essere i necessari controlli e allo stesso tempo ci aspettiamo che la regione Umbria si allinei alla Toscana, al fine di consentire ai propri cittadini di non doversi spostare in Toscana.

Tags: Vincenzo Ceccarelli Vaccini