Integrazione dei cittadini stranieri, Carlettini presenta i progetti vincitori del bando 2022

. Inserito in Politica

L’assessore Giovanna Carlettini ha presentato i progetti vincitori, valutati da una specifica commissione, del bando per l’erogazione di contributi diretti e indiretti a favore delle associazioni del territorio che si occupano d’integrazione.

«Dopo l’analoga e positiva esperienza del 2021 – ha sottolineato Giovanna Carlettini – l’amministrazione comunale ha deciso di consolidare le azioni di collaborazione con il mondo dell’associazionismo e del volontariato che rappresenta in città, come noto, una realtà molto significativa e dinamica. Quest’anno le risorse messe a disposizione erano pari a 20.000 euro, dunque maggiori rispetto a 12 mesi fa. Il giudizio che dò a questo iter, dopo la sua conclusione, è molto positivo: l’obiettivo è quello di promuovere progetti che di fatto favoriscano una piena integrazione e confido che la loro attuazione confermerà tale auspicio. Si va dai corsi di lingua italiana agli interventi di assistenza e in merito a quest’ultimi concludo con un piccolo inciso: quelli previsti a favore delle donne straniere sono particolarmente apprezzati perché conciliano la doppia delega che ricopro di assessore all’integrazione e alle pari opportunità».

Entriamo nello specifico: innanzitutto i soggetti aggiudicatari dei finanziamenti sono 4. Acb social inclusion aps con il progetto “Arezzo città di tutti! Percorsi per l’inclusione di donne e minori stranieri”; I-care di Arezzo odv con “A scuola con mamma - anno secondo”; Fondazione Thevenin onlus con “Mettiamo le ali: integrazione e formazione”; Associazione donne insieme odv con “A.A.A. Ascolto accompagnamento aiuto”. Tutti si svolgeranno da luglio a dicembre.

Il primo, illustrato da Valentina Francini, prevede due interventi, rivolti rispettivamente ai minori, con un corso di potenziamento linguistico estivo, percorsi finalizzati alla conoscenza del patrimonio artistico-culturale aretino, un tutoraggio allo studio per i ragazzi tra gli 11 e i 14 anni, un laboratorio sul riciclo e riuso, e alle donne con un laboratorio di educazione alla salute, incontri guidati sulla genitorialità consapevole, un evento di sensibilizzazione sulla dipendenza da internet nei giovani. È prevista la collaborazione con il Ser.D, Lega Ambiente e il Centro Guide e la sede delle attività è lo Spazio Famiglia di via Garibaldi.

Il secondo, illustrato da Pierluigi Ricci, prevede corsi di lingua italiana L2 per le mamme straniere e laboratori di cucito, di informatica e di cineforum. È intenzione procedere alla realizzazione di un musical per il periodo natalizio con protagonisti studenti stranieri e italiani e con le rispettive mamme a rivestire i ruoli di costumiste e scenografe. Il tutto si svolgerà presso l’ex asilo nido Il Cedro grazie al comodato d’uso gratuito concesso dalla direzione dell’Istituto comprensivo IV Novembre.

Il terzo, illustrato da Valentina Romanelli, si articola in interventi di assistenza e integrazione sociale a favore delle donne straniere che sono appena arrivate per offrire loro protezione immediata e una prima assistenza sanitaria, psicologica e legale, dall’iscrizione di un figlio a scuola alla scelta del medico curante. Lo step successivo saranno attività di accoglienza in semi-autonomia e l’accompagnamento all’inserimento lavorativo. Il tutto si articola in 13 appuntamenti presso l’Istituto Thevenin.

Il quarto, organizzato nella sede di Donne Insieme in via Curtatone 18/A e illustrato da Bruna Cantaluppi, consiste in un corso di sartoria che ha gli obiettivi di rafforzare l’autostima delle donne e di far acquisire loro una maggiore professionalità. Inoltre vengono resi disponibili anche corsi di lingua italiana per stranieri, attività di lettura per bambini, muro della gentilezza e libreria di strada per promuovere nuovi modelli culturali di immigrazione e integrazione. A partire da Saione.

Tags: Giovanna Carlettini