Sanità, Tanti: "Arezzo torna finalmente centrale nelle scelte. Ecco la svolta dei 100 milioni"

. Inserito in Politica

C’e’ ancora molto da fare, ma il nostro impegno incessante e continuativo sta ottenendo i primi risultati. Lo dichiara il vice sindaco di Arezzo Lucia Tanti, rivendicando "la battaglia per il ritorno alle zone distretto approvato finalmente ieri dal Consiglio regionale".

“Nel 2015 abbiamo ereditato una città senza voce in capitolo nelle scelte sanitarie e fin da subito abbiamo lavorato senza sosta, e continueremo a farlo, per restituire ad Arezzo un ruolo centrale. Oggi, dopo sei anni, è evidente il recupero di questa priorità: quello che abbiamo costruito è un progetto per la città trattato e definito centimetro su centimetro, euro su euro con La Asl. Un primo passo di una strada ormai segnata per riportare il baricentro verso Arezzo. E’ certo che fino a quando rimarranno le aslone - e anche qui rivendichiamo la battaglia per il ritorno alle zone distretto approvato finalmente ieri dal Consiglio regionale - l'assetto sanitario toscano sarà per noi fortemente penalizzante, ma è altrettanto certo che, grazie al PNRR e ad anni di lavoro, portiamo a casa quasi 100 milioni di euro. Il disegno della nuova sanità aretina, dagli ospedali di comunità aperti h24, 7 giorni su 7 fino alla Cittadella della sanità al Pionta con il ritorno dell'Hospice vicino al San Donato che a sua volta vede arrivare milioni di euro, è massimamente frutto della scelta del Sindaco Ghinelli di mettere la sanità al centro del nostro impegno per la città. Ancora un riflessione sul superamento della zonona imposta dalla Regione: abbiamo combattuto per anni per raggiungere un risultato che era un nostro diritto. Solitamente non festeggio i rimedi degli errori degli altri, voglio solo ringraziare tutti i Sindaci della zonona e in particolare il Sindaco Vagnoli e il Sindaco Cornioli: noi tre sappiamo perché”.

Tags: Lucia Tanti Sanità