Impianti e strutture sportive comunali a utilizzo gratuito per tutto il 2021: riapre il bando

. Inserito in Politica

L’assessore allo sport del Comune di Arezzo Federico Scapecchi: “il rilancio dello sport come segnale di ripartenza. Amministrazione comunale a fianco delle realtà del territorio”

“Obiettivo dell’amministrazione comunale è quello di massimizzare l’utilizzo di tutte le strutture sportive e rendere il loro accesso completamente gratuito per tutto il 2021. Si tratta di una misura disposta nell’ambito del programma Arezzo non molla e riparte 2.0 e che va incontro agli iscritti alle tante associazioni e società sportive che hanno sofferto nei mesi di pandemia. Riapriamo quindi il bando scaduto il 24 agosto, per gli spazi residui, nella speranza che questa soluzione incontri il favore delle realtà del territorio alle quali mandiamo un messaggio chiaro: il Comune è al vostro fianco disposto a fare la sua parte fino in fondo”.

Commenta così l’assessore allo sport Federico Scapecchi il rinnovo dell’avviso pubblico grazie al quale le associazioni e le società potranno fare richiesta di una palestra o di un palazzetto e consentire così libero accesso a coloro che vogliono tornare a fare sport e curare il benessere psico-fisico, attività rimaste per mesi, come noto, in stand-by.

Nel sito del Comune di Arezzo è già in pubblicazione la graduatoria che regola l’assegnazione degli impianti comunali. Per l’eventuale richiesta di utilizzo degli spazi residui è riattivata la piattaforma informatica accessibile dal link https://www.comune.arezzo.it/notizie/concessione-uso-temporaneo-spazi-sportivi-residui-domande-on-line

Sono ammessi a partecipare i soggetti riconosciuti dal Coni. Le istanze, esclusivamente online, verranno accolte sulla base dell’ordine cronologico di presentazione. Per eventuali informazioni e chiarimenti è possibile contattare preventivamente l’Ufficio sport, giovani e terzo settore al seguente indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tags: Federico Scapecchi