Scritte razziste a Saione, Cgil: "Nella democratica Arezzo, questo può passare sotto silenzio?"

. Inserito in Politica

La Cgil invita in una nota stampa a non sottovalutare l'episodio di scritte razziste verificatosi a Saione

Gli autori delle scritte xenofobe avevano imbrattato, oltre a un portone e i campanelli di un condominio, anche la saracinesca di un negozio etnico.

Un'inquilina del condominio ha denunciato l'atto su un post di Facebook, accompagnato dalle foto del gesto.

L'intervento della Cgil

"Di nuovo scritte razziste a Saione. Nel mirino un negozio etnico gestito da cittadini africani. Non vogliamo usare i puntini di sospensione e quindi ricordiamo che hanno scritto "merde, via". Un giudizio e un’intimidazione verso cittadini che svolgono regolarmente il proprio lavoro e che vengono intimiditi e minacciati in ragione del colore della loro pelle. I vandali non hanno risparmiato nemmeno il portone accanto, abitato probabilmente da cittadini italiani

Nella democratica Arezzo, questo può passare sotto silenzio? Un'amministrazione comunale così attenta ai problemi di ordine pubblico, considera questo un atto immeritevole di un commento? Oppure la garanzia dell'ordine vale per alcuni cittadini e per altri no?"

 

 Foto tratte dal post di denuncia

Tags: Saione CGIL