Rotatoria di Levane, appello Confartigianato: “Dare al più presto il via ai lavori promessi”

. Inserito in Mobilità

Viabilità in Valdarno ancora al palo malgrado gli impegni  assunti dai sindaci di Montevarchi e Bucine


Baldi: vengano messi da parte i particolarismi per il bene di cittadini e imprenditori

 “Viabilità in Valdarno ancora al palo".
Malgrado le rassicurazioni dei Sindaci di Montevarchi e Bucine - che lo scorso febbraio, dinnanzi ai rappresentanti della nostra associazione, sembrava avessero trovato l'accordo verbale per la realizzazione della rotatoria all'incrocio di via Valiani, fra Levane e Levanella - il progetto rimane solo sulla carta e la sua realizzazione un'ipotesi sempre più lontana.  

 Sono parole di Maurizio Baldi, presidente di Confartigianato zona Valdarno, che spiega come “purtroppo" sembrano prevalere i particolarismi delle due Amministrazioni a scapito della sicurezza stradale e degli interessi delle centinaia di imprese che giornalmente devono fare i conti con una situazione fuori controllo! Quello che più dispiace, prosegue Baldi, è il rimpallo di responsabilità in atto tra il sindaco Silvia Chiassai di Montevarchi, che attualmente è anche presidente della Provincia di Arezzo, e Pietro Tanzini, sindaco di Bucine che non consente di dare attuazione ad un progetto strategico per la viabilità e che penalizza fortemente un'area strategica per l'intero Valdarno!

 Senza entrare nel merito delle dispute tra le due amministrazioni comunali, mi preme fare appello alla sensibilità dei due Sindaci per superare i particolarismi che stanno bloccando l'opera e dare avvio al progetto della rotatoria, che, già da tempo, è stato dichiarato fattibile e cantierabile.
Mi auguro che prevalga il buon senso e che in tempi brevi si riesca ad aprire il cantiere a beneficio della sicurezza degli automobilisti e della produttività delle imprese del valdarno.

 

 

Tags: Confartigianato