Sanità, interinali: la conferma è per il 70% e non per il 30%, ma il futuro è dei tempi indeterminati

. Inserito in Lavoro

Il Direttore generale dell'Azienda Unità Sanitaria Locale Toscana Sud Est  Antonio D'Urso replica a Nursind, il sindacato autonomo delle professioni infermieristiche: "Assunzioni quasi completate per 500 tra infermieri e operatori socio sanitari".

"Non confermeremo il 30%, bensì il 70% degli interinali. Vorrei poi ricordare a Nursind che stiamo attuando un programma di assunzioni a tempo indeterminato che porterà nella Asl Toscana sud est 320 nuovi infermieri e 160 nuovi operatori socio sanitari. E' un programma che abbiamo accelerato al massimo: stiamo procedendo alle ultime 50 assunzioni. A queste vanno aggiunte quelle che abbiamo fatto in relazione al normale turn over e cioè alla sostituzione di personale andato in pensione. Quindi 212 infermieri e 70 oss. Se sommiamo queste cifre, arriviamo ad un totale di 762:  532 infermieri e 230 oss. In aggiunta, la Direzione Aziendale intende investire sulla figura dell'infermiere di famiglia e di comunità previsto anche da ultimo nel Decreto Rilancio e ciò comporterà l'ulteriore incremento delle dotazioni organiche".

Il Direttore generale Antonio D'Urso quantifica lo sviluppo dei servizi nella Toscana meridionale: "abbiamo affrontato - e continuiamo a farlo - l'emergenza Covid ma da essa vogliamo uscire con una sanità più forte di prima. C'è quindi il lavoro sulla riorganizzazione dei servizi ospedalieri e territoriali e ad esso si accompagna necessariamente il potenziamento degli organici. Uno sviluppo che intendiamo stabile: da qui la scelta di considerare un'emergenza il lavoro interinale e le assunzioni a tempo indeterminato - invece -  la scelta strategica. Sono certo che anche Nursind condividerà questa impostazione che è in grado di dare stabilità e futuro a quasi 500 nuovi operatori della sanità, mettendo quest'ultima nella condizione di avere nuove professionalità".

Tags: Antonio D'Urso Azienda Usl Toscana Sud Est Nursind Oss