Confartigianato Imprese Arezzo, le opportunità digitali per contrastare il coronavirus

. Inserito in Lavoro

Giovedì 12 Marzo il Webinar di Confartigianato ICT su soluzioni e strumenti di Smart Working per le aziende

"In un momento così delicato per il Paese e per il nostro territorio è opportuno che ognuno faccia la sua parte, compreso il settore ICT" - dichiara Giacomo Cariulo, neo presidente dell'Associazione ICT di Confartigianato in rappresentanza del comparto che si occupa appunto di Information Communication Technology.

"Dal canto nostro - prosegue Cariulo - come ICT intendiamo supportare le aziende che in questi giorni, oltre all’emergenza sanitaria, stanno adottando o hanno in mente di adottare nuovi metodi di lavoro digitale come lo Smart Working.Da un giorno all’altro ci siamo svegliati nel 2020, e abbiamo scoperto l’esistenza di nuove tecnologie che all’estero sono consolidate da anni. Improvvisamente - prosegue Cariulo - sembra che il digitale sia passato dall’essere un’opportunità all’essere un’urgenza “nell’emergenza."

Ma quali sono gli strumenti che possono essere usati per azzerare le distanze fisiche lavorando? Si va da quelli noti come Skype o Hangout per mezzo dei quali possono essere realizzate riunioni con il personale o con i clienti, agli archivi in cloud che permettono di poter lavorare ovunque ci si trovi avendo di fatto il proprio ufficio a portata di mano; dai software per la comunicazione aziendale, alle applicazioni per la gestione dei flussi di lavoro a distanza.

L'esigenza di ricorrere allo Smart Working, pur aprendo notevoli spunti di riflessione, mette in risalto anche una prima necessità di fondo per le imprese.

"Senza infrastrutture adeguate e servizi digitali non c'è smart working - afferma Giacomo Cariulo - per questo auspichiamo che le istituzioni, a tutti i livelli, comprendano questa necessità e supportino questi nuovi approcci con adeguate infrastrutture, connessioni adeguate e diffuse, strumenti finanziari e di supporto, adeguati alle dimensioni del nostro tessuto produttivo fatto principalmente di PMI. La competitività passa anche da qui: smettere di rincorrere le soluzioni, che già ci sono, quando ormai l'opportunità è diventata una vera e propria urgenza, ma metterle a disposizione fin dall’inizio e supportare le imprese nei processi di innovazione."

Il tema del lavoro smart evidenzia anche una necessità impellente che riguarda il mondo della scuola al quale Confartigianato guarda da sempre con interesse attraverso i numerosi progetti che coinvolgono i vari istituti scolastici e gli artigiani, compresi quelli del mondo della Comunicazione.

"È indispensabile far interagire imprese e scuola ai massimi livelli - aggiunge Cariulo - per formare gli studenti alle reali esigenze di un mondo del lavoro che, proprio grazie agli strumenti digitali, è sempre più globale. Per questo motivo la scuola deve fornire agli studenti tutti gli strumenti per competere affinché le imprese non siano tentate di reperire all'estero quelle figure professionali che proprio grazie allo smart working possono lavorare a distanza. È evidente come lo scenario cambi e come sia necessario un cambio di passo anche nell'ambito dell'istruzione scolastica che non può prescindere dal confronto con il mondo delle imprese".

Per questi motivi Confartigianato ICT ha predisposto per Giovedì 12 Marzo dalle ore 16.30 alle 19.00 un Webinar rivolto alle aziende per illustrare alcuni strumenti utili al lavoro Smart, linee guida per la promozione digitale e soprattutto per rispondere alle domande degli imprenditori. Di fatto un'anteprima di quello che sarà lo Sportello Digitale che Confartigianato intende mettere a servizio di tutti gli associati che abbiano necessità di conoscere e quindi sfruttare appieno le potenzialità degli strumenti digitali grazie ai consigli esperti di Confartigianato ICT.

Tags: Confartigianato Imprese Arezzo Giacomo Cariulo