Designati i fantini della Giostra della Stella 2022, due sono aretini

. Inserito in Eventi e Cultura

E’ stato il primo atto ufficiale dell’edizione della Giostra della Stella - Palio delle Contrade di Bagno a Ripoli (FI), edizione della ripartenza, dopo i due anni di forzato stop causa pandemia, la deposizione delle impegnative da parte dei cavalieri prescelti per partecipare alla provaccia di giovedì 8 settembre ed alla Giostra della Stella di domenica 11 settembre.

Due saranno gli esordienti, mentre gli altri quattro hanno già avuto modo di scendere nella pista della "conca dei giardini" per un lotto che si presenta molto equilibrato e che garantirà un bello spettacolo.
I selezionati sono, in ordine alfabetico:
Chiara BARTOLETTI pistoiese, esordiente a Bagno a Ripoli fa parte della Scuderia del Rione del Grifone di Pistoia.
Alessandro CULATORE pistoiese, alla sua seconda esperienza è cavaliere titolare del Rione del Cervo Bianco di Pistoia che, lo scorso 25 luglio, ha vinto la Giostra dell'Orso.
Lorenzo DESIMONE residente a Bibiano (Re) cavaliere esordiente fa parte della Contrada Trinità di San Secondo Parmense e quest'anno ha vinto la Giostra dè lo Biscione a Grazzano Visconti lo scorso 29 maggio.
Maurizio FRULIO aretino, ha già corso sei edizioni della Giostra ed è cavaliere della Contrada Porta Aretina di Figline Valdarno.
Guido GENTILI dI Sarteano (SI) è alla seconda giostra e quest’anno ha vinto, il 18 giugno scorso, il Palio dei Borgia a Nepi (Vt) ottenendo anche il titolo di miglior cavaliere della Giostra.
Alessandro UGOLINI aretino, alla sua seconda esperienze dopo quella del 2019 dove, all’esordio, vinse il Palio per la Contrada della Torre.
Per questa edizione, vista l’assenza di Gabriele Gamberi, vincitore dell’ultima edizione della Giostra e che da regolamento sarebbe stato qualificato di diritto, la provaccia di giovedì assegnerà quattro posti anziché tre.

Tags: Giostra della Stella Bagno a Ripoli

Roberto Parnetti

Roberto Parnetti

Roberto Parnetti, da aretino, ha una grande passione: la Giostra del Saracino, a cui ha dedicato alcune pubblicazioni.
Collabora inoltre con vari comitati, organizzatori di Giostre, Quintane e Palii, dove è inoltre chiamato a ricoprire il ruolo di Maestro di Campo o giudice di sfilata. 
Tra le sue iniziative, il premio nazionale Miglior Cavaliere d'Italia.