Come Arezzo ha detto addio alla sua identità manifatturiera

. Inserito in Eventi e Cultura

Lo racconta Claudio Repek nel libro "Venti di cambiamento", che verrà presentato al Cas di Tortaia domani, sabato 30 aprile dalle 9.30 alle 13, alla presenza di Giani, Ghinelli, Salvini e i dirigenti nazionali di Cgil e Spi. 

2000 - 2020: anni di profonda trasformazione dell'economia aretina. Il libro "Venti di cambiamento" ricostruisce - secondo cronologia, con oltre 30 interviste e con un corredo fotografico - le principali vertenze, sia nel privato che nel pubblico, che ridisegnano il volto della provincia di Arezzo: dalla Lebole a Banca Etruria, dalla Del Tongo alla Beltrame, dalla Buitoni alla Unoaerre. Senza dimenticare Stimet, Cantarelli, Sca, Eutelia. E poi le trasformazioni del sistema dei servizi pubblici con le nascite di Aisa e Nuove Acque, le metamorfosi di Coingas-Eta3-Estra, di Afm, di Atam. La crisi della Provincia, la nascita delle aree vaste in sanità.

Insieme alle vertenze, il libro ricostruisce - attraverso i congressi - la storia parallela della Cgil e la sua capacità di interpretare il cambiamento. "E' il racconto degli ultimi venti anni attraverso la lente del lavoro - scrive nella prefazione Gianna Fracassi, vice Segretaria nazionale della Cgil. E’ la storia di un territorio con le sue crisi e le sue prospettive che ha visto mutare la propria matrice economica e sociale. La trasformazione del tessuto produttivo attraverso le crisi delle principali aziende del territorio e il cambiamento della struttura dei servizi pubblici locali, inevitabilmente ci consente di fare una sorta di consuntivo di questi anni, proiettando la storia di Arezzo e della sua provincia nella generalità delle politiche di sviluppo del nostro paese". Gianna Fracassi traccia un prima bilancio di una storia ancora in corso: "questi venti anni sono stati caratterizzati   dall’assenza di politiche industriali che ridefinissero la specializzazione produttiva dell’Italia, soprattutto nella prospettiva di cambiamento determinata dalla rapidità dei processi di digitalizzazione e di riposizionamento delle catene del valore globali. Questo non è avvenuto né a livello nazionale tanto meno a livello locale". I lavoratori e il sindacato hanno comunque fatto la loro parte: "è una bella storia, quella che racconta questo libro. E’ la storia collettiva - sempre importante sottolinearlo - degli uomini e delle donne che hanno contribuito a garantire nonostante le difficoltà di questi anni, una condizione migliore a lavoratori e lavoratrici, a rappresentare i bisogni di chi il lavoro ancora non ce l’ha, di chi è già in pensione. E’ la storia della Cgil, che non smetterà mai di lottare per la dignità e la libertà nel lavoro, per rendere il nostro modello di sviluppo sostenibile e per garantire giustizia sociale ed equità". Il libro "Venti di cambiamento" di Claudio Repek per le Edizioni Clichy di Firenze, verrà presentato sabato 30 aprile, dalle 9.30 alle 13, nei locali del centro di aggregazione Tortaia in via Alfieri ad Arezzo. Interverranno il Presidente della Giunta Regionale, Eugenio Giani; il Sindaco di Arezzo, Alessandro Ghinelli; il Direttore della Camera di Commercio di Firenze (e già di quella di Arezzo), Giuseppe Salvini; la vice Segretaria nazionale della Cgil, Gianna Fracassi; il Segretario nazionale dello Spi Cgil, Ivan Pedretti; i Segretari provinciali di Cgil e Spi, Alessandro Tracchi e Giancarlo Gambineri. Con loro delegati delle Rsu e Alessandro Mugnai, già Segretario provinciale Cgil. Modererà il giornalista Luca Tosi.

Tags: CGIL