Musica in rosa: voci e racconti di donne al teatro Pietro Aretino

. Inserito in Eventi e Cultura

L’assessorato alle pari opportunità del Comune di Arezzo ha concesso il patrocinio all’iniziativa “Musica in rosa”, organizzata da Acli provinciale sede di Arezzo che si svolgerà in occasione della festa della donna.

Martedì 8 marzo, alle 21.00, le Acli di Arezzo e il Comune di Arezzo promuovono “Musica in rosa”. L’appuntamento, a ingresso gratuito al teatro “Pietro Aretino”, proporrà voci e racconti di donne. Una serata di arte al femminile per celebrare la Giornata Internazionale della Donna. L’iniziativa, dal titolo “Musica in rosa”, è promossa dalle Acli di Arezzo con il patrocinio dell’assessorato alle pari opportunità del Comune di Arezzo e si svilupperà attraverso un’alternanza di voci e di racconti portati sul palcoscenico da donne. L’appuntamento, a ingresso gratuito con presentazione del Green Pass, è fissato per le 21.00 di martedì 8 marzo al teatro “Pietro Aretino”.

La serata di “Musica in rosa”, sostenuta da Estra, sarà condotta dalla giornalista Barbara Perissi e sarà introdotta dai saluti dell’assessore del Comune di Arezzo Giovanna Cartellini e della vicepresidente delle Acli Valentina Mattina, prima di entrare nel vivo del vero e proprio spettacolo con le note del REB Trio con Benedetta Bianchi, Elisa Veschi e Roberto Magnanensi. La musica sarà protagonista anche con il Tixie Quartet che farà affidamento sulla voce di Ilaria Scatizzi e sugli strumenti di Alessandro Catalani, Luca Bazzanti e Alessandro D’Ambrosio, mentre un momento di canto vedrà per protagonista Stella Peruzzi, soprano e docente della scuola “L’albero in musica”, insieme alle allieve Elena Sofia Scortecci e Chiara Mafucci. Le emozioni e le suggestioni della “Sfilata dei meravigliosi costumi d’epoca” sarà infine messa in scena dalla costumista teatrale Matelda Bigi, accompagnata dalla voce narrante dell’attrice Silvia Martini. «L’arte declinata al femminile - commenta Matteini, - sarà il filo conduttore di una serata che vuole valorizzare il contributo delle donne in ambiti quali musica, canto e teatro, proponendo un’occasione per festeggiare questa giornata e per passare una piacevole serata. L’8 marzo nasce come un’occasione per rivendicare i diritti delle donne e, in quest’ottica, c’è ancora tanto da lavorare soprattutto per quanto riguarda un tema caro alla nostra associazione come quello della conciliazione fra i tempi del lavoro e i tempi della vita personale e familiare, su cui abbiamo intenzione di portare avanti un particolare percorso di riflessione e di confronto».

Tags: 8 marzo Teatro Pietro Aretino