Street art, foto e un convegno a cento anni da “I Fatti di Renzino”

. Inserito in Eventi e Cultura

Il 2021 è un anno particolare per la storia del Comune di Foiano della Chiana. Si celebra, infatti, il centenario di quelli che sono passati alla storia come “I fatti di Renzino”. In piazza Nencetti una mostra fotografica. Fatucchi: "Vita paesana dell'epoca e la descrizione dei fatti di Renzino"

“I fatti di Renzino” rappresentano i germogli della Resistenza in Valdichiana. L’atto da cui, venti anni più tardi, giovani e giovanissimi di questa valle decisero di lottare per la libertà e la pace, sacrificando le proprie vite.

La rivolta del 17 aprile 1921 dei contadini di Foiano fu un atto di ribellione contro le violenze del nascente fascismo, che dal Nord Italia stava dilagando per tutta la penisola.

L’amministrazione Comunale ha deciso di organizzare una serie di iniziative durante l’anno in corso per celebrare e ricordare quegli eventi che non costituiscono solo una delle pagine più importanti della storia di Foiano ma, per unanime parere degli storici, anche una delle prime manifestazioni della violenza squadrista nel centro Italia e, di contro, uno dei primi esempi di resistenza attiva oltre che un importante tratto identitario su cui si è costruita negli anni una memoria condivisa e una coscienza collettiva cittadina.

La prima di queste iniziative celebrative avrà luogo il giorno del centenario storico, sabato 17 Aprile 2021, con una serie di eventi organizzati dal Comune di Foiano in collaborazione con ANPI, Istituto Omnicomprensivo “G.Marcelli”, Cgil Arezzo, Circolo Arci Renzino, Foto Club “Furio del Furia” oltre che a numerose associazioni culturali e sociali foianesi.

Sabato 17 Aprile sarà infatti presentato il progetto di street art dell’artista Niam dedicato alle donne della ribellione, collocato nel sottopassaggio di Piazza Nencetti adiacente alle scuole; sempre in Piazza Nencetti saranno inaugurate l’installazione dedicata alle immagini di vita quotidiana degli anni ‘20 attraverso le foto di Furio del Furia (curata da Marcello Fatucchi) e la mostra-progetto “Ricordi Manifesti” organizzata dalle classi terze medie dell’Istituto Omnicomprensivo di Foiano.  "La mostra fotografica - spiega Marcello Fatucchi - si presenta con 6 installazione che andranno ad occupare piazza Nencetti delle misure di 1,95 di altezza x 1.30 larghezza. 5 raccontano la vita paesana (1910/1930), la sesta la descrizione del perché avvennero i fatti di Renzino, il trattamento subito durante la Mezzadria, e una biografia di Melacci (anarchico ) e Galliani Gervasi presenti entrambi Renzino".

La giornata in ricordo del centenario continuerà poi sul web con un convegno online che verrà trasmesso dalle ore 17,00 nelle pagine social del Comune di Foiano della Chiana. Tra gli ospiti del convegno, oltre al padrone di casa Francesco Sonnati sindaco di Foiano, saranno presenti Vincenzo Ceccarelli in rappresentanza della Regione Toscana, che ha patrocinato il progetto, il Professore di Storia moderna e di Storia della Toscana in età moderna e contemporanea dell’Università di Siena Ivo Biagianti che ha curato la rassegna documentaria a cui faranno seguito ulteriori mostre durante l’anno, l’ex presidente della commissione antimafia Rosy Bindi e il Senatore Riccardo Nencini presidente della Commissione Cultura del Senato. A moderare il convegno il Vice Sindaco di Foiano della Chiana Jacopo Franci.

Tra gli ospiti, Vincenzo Ceccarelli in rappresentanza della Regione Toscana e Gianna Fracassi (nella foto a lato) vice Segretaria nazionale della Cgil, che saranno sabato a Foiano della Chiana

La vice Segretaria nazionale della Cgil, Gianna Fracassi, sarà sabato a Foiano per partecipare al convegno on line “Una pagina di storia italiana: i fatti di Renzino”, promosso dall’Amministrazione comunale di Foiano, dalla Regione Toscana e dalla locale sezione ANPI.

“Un convegno – ricorda Atos Santicioli, capo Lega Spi Cgil di Foiano – che si colloca nell’ambito del programma di iniziative, al quale partecipa anche la CGIL, per ricordare, a cento anni esatti di distanza, quelle vicende che rappresentarono lo stato nascente della lotta antifascista. Il convegno sarà l’occasione per riflettere e analizzare quei fatti e il contesto storico in cui essi si generarono. Innanzitutto, bisogna ricordare che siamo nella fase conclusiva del biennio rosso, caratterizzato dalle grandi lotte sindacali, dalle occupazioni delle fabbriche al nord e dalle occupazioni delle terre al sud. In questo contesto storico la realtà comunale di Foiano veniva definita come la cittadella rossa e per questo particolarmente avversata e presa di mira dalle squadre fasciste che ormai spadroneggiavano in provincia di Arezzo”.

 

Tags: Foiano della Chiana Renzino Circolo ARCI Renzino Gianna Fracassi