Bibbiena, tutto pronto per inaugurare la mostra del fotogiornalista Giorgio Lotti

. Inserito in Eventi e Cultura

Sabato 27 giugno alle ore 18 presso il CIFA - Centro Italiano della Fotografia d'Autore verrà presentata la nuova mostra "Giorgio Lotti - Viaggio nel '900".

Lo stesso giorno il sindaco di Bibbiena Filippo Vagnoli e Roberto Rossi, presidente di FIAF - Federazione Italiana Associazioni Fotografiche, con il contributo della Regione Toscana, inaugureranno a Bibbiena 6 nuove opere che vanno ad aggiungersi al progetto "Bibbiena Città della Fotografia - Galleria Permanente a Cielo Aperto". Le nuove opere installate sono degli autori Mario De Biasi, Giorgio Lotti, Fulvio Roiter, Mario Cresci, Uliano Lucas, Lisetta Carmi.

L'assessore Francesca Nassini, che ha seguito da vicino il progetto della galleria a cielo aperto, commenta: "Il percorso è per caratteristiche e grandezza il primo d'Europa. Bibbiena con queste ulteriori sei foto - adesso siamo a 21 - si candida come un museo unico, in cui la cornice è fatta dalla nostra storia e dalle mura di Bibbiena. Adesso siamo anche pronti a far uscire questo progetto come un vero e proprio prodotto turistico di valore".

L'assessore alla cultura e al turismo di Bibbiena rivela alcuni progetti che stanno prendendo corpo in questo periodo: "Stiamo studiando in modo serio un progetto per realizzare a San Lorenzo una scuola di fotografia nazionale, cosa questa che inserisce nel percorso di 'Bibbiena Città della Fotografia' che, in questi anni, ha visto l'impegno incessante della FIAF e del suo presidente, che ringrazio".

Nassini parla anche del valore culturale e turistico di questo progetto: "Grazie alla FIAF ogni anno al Centro Italiano della Fotografia d'Autore si organizzano almeno 4 mostre di caratura nazionale e internazionale".

"Questo rafforza molto il nostro intento di inserire il progetto del museo fotografico a cielo aperto in un contesto turistico più ampio. Vorrei ricordare che il valore di questo museo è ancora più grande perché la sua esistenza è legata anche al cuore di tanti privati e associazioni che hanno adottato, come ha fatto lo stesso Comune, alcune foto esposte.

Foto che ricordo essere dei capolavori assoluti. Grazie a queste foto diffuse il territorio del centro storico ha assunto un nuovo modo di essere e di raccontarsi al mondo. Per cooperare ancora di più a farlo diventare un luogo di bellezza e di cultura, ci stiamo organizzando per ricoprire con foto artistiche del Casentino le vetrine dei fondi sfitti, in attesa di una loro pronta rinascita alla vita".

Infine l'assessore ringrazia il CIFA: "Abbiamo prorogato l'affidamento dei locali delle ex carceri al CIFA come è giusto e doveroso, visto l'eccellente lavoro svolto anno dopo anno per posizionare la nostra città al centro di un interesse nazionale. Un ringraziamento personale va a Roberto Rossi per aver sempre creduto, insieme a me, nel progetto di Bibbiena museo a cielo aperto".

La carriera fotografica di Giorgio Lotti, nato a Milano nel 1937, è indissolubilmente legata al settimanale Epoca. In questa mostra vengono presentati, non in ordine cronologico, alcuni dei servizi più famosi realizzati e pubblicati su Epoca da Lotti e una serie di immagini singole (molti ritratti) che riassume, pur non esaustivamente, il suo lavoro di fotogiornalista. Tra tutte la foto più famosa è il ritratto di Zhou Enlai, scattato nel 1973. La fotografia, che probabilmente è stata la più diffusa nella storia della Cina e quella più stampata al mondo con oltre 100 milioni di copie, ritrae il primo ministro seduto su una comune poltrona. Pubblicata sui libri di storia del fotogiornalismo, diviene il suo ritratto ufficiale. È pubblicato su Epoca di quell'anno nel primo di 3 articoli dedicati alla Cina del post-Rivoluzione Culturale.

Tags: Comune di Bibbiena Francesca Nassini Roberto Rossi fotografia Centro Italiano della Fotografia d'Autore FIAF - Federazione Italiana Associazioni Fotografiche