Le aziende aretine al Vinitaly 2019 insieme a Camera di Commercio e Strada del Vino Terre di Arezzo

. Inserito in Economia

Molte cantine e consorzi aretini, partecipano anche quest’anno al Vinitaly di Verona, uno dei più significativi eventi internazionali di promozione dell'enologia. 

 Nell'ultima edizione il Vinitaly ha ospitato 128.000 operatori da 142 nazioni e ha visto superare il record di 100mila metri quadrati netti espositivi, con più di 4.600 espositori provenienti da 35 Paesi. Oltre 50mila (32 mila dei quali buyer) sono le presenze straniere e oltre 16.000 le etichette presentate.

 Anche per la 53esima edizione di Vinitaly, in programma dal 7 al 10 Aprile quindi, l'Ente Camerale ha organizzato in collaborazione con l'Associazione Strada del Vino Terre di Arezzo, una collettiva di aziende vitivinicole aretine che saranno presenti alla manifestazione in uno stand istituzionale. Oltre allo stand dove sono ospitate 11 aziende sarà presente a Verona un “wine bar” curato in collaborazione con AIS Delegazione Arezzo, dove saranno presenti altri 28 produttori vitivinicoli del territorio. Un’offerta complessiva che supera ampiamente le 100 etichette.

 La “missione aretina “è stata presentata questa mattina, alla sede della Strada del Vino Terre di Arezzo, dal Presidente della Camera di Commercio di Arezzo Massimo Guasconi, dal Segretario Generale Giuseppe Salvini e dal Presidente della Strada del Vino- Terre di Arezzo Saverio Luzzi.

 Si tratta di un appuntamento molto importante per il settore vitivinicolo aretino che in questi anni è cresciuto sia qualitativamente che dimensionalmente.

 Comunque il 2018 è stato un anno record per la viticoltura italiana che ha 310.000 aziende attive.  Secondo Istat la produzione totale di vino è stata di 55 milioni di ettolitri (+29% rispetto al 2017). Particolarmente rilevante è stata la produzione dei vini di qualità (DOC/DOC), che sfondano per la prima volta la soglia dei 20 milioni di ettolitri, e lo è anche la produzione di vini bianchi, naturalmente spinta dal fenomeno dei vini spumanti.

 Il vino costituisce la prima voce dell'export agroalimentare con 6,1 miliardi di euro. Siamo il primo esportatore mondiale di vino per volume ed il secondo per valore( la Francia esporta per un valore di circa 10 miliardi di euro) .

 In Toscana la produzione è stata pari a 2milioni e 742 mila ettolitri con un +5% rispetto al 2017.

 La produzione della regione è suddivisa il 1 milione e 589 mila ettolitri di doc rosso, 172 mila hl di doc bianco, 579 mila  IGT rosso, 104 mila IGT bianco, 183 mila tavola rosso e 81 mila tavola bianco.

 Il settore vitivinicolo aretino opera su una superficie vitata complessiva di oltre 6.530 ettari (dato 2017 con una crescita del 20,5 % rispetto al 2016) così ripartiti: il 15% di vino comune da tavola, il 25% di vino a IGT e il restante 60% di vino a denominazione d'origine per una produzione annua totale di oltre 200 mila ettolitri di vino.

 Il panorama vitivinicolo aretino è particolarmente ricco: 5 DOC provinciali (Colli dell'Etruria Centrale, Cortona, Valdichiana, Vinsanto del Chianti e Val d'Arno di Sopra) la DOCG Chianti e 2 IGP.

 “Grandi novità per quest’edizione – Evidenzia il Presidente Saverio Luzzi - grazie ad un finanziamento regionale legato al bando PSR è stato possibile incrementare la visibilità dello stand che avrà un soppalco all’interno del quale saranno organizzate nuove attività come un incoming di buyers provenienti da Cina ed Oceania e visite di bloggers. Inoltre, saranno presente molte aziende vinicole che per la prima volta prenderanno parte alla fiera”.

 “La presenza all’interno di una delle vetrine più importanti al mondo è sicuramente è un grande risultato, – aggiunge il  Presidente dell’Ente camerale Massimo Guasconi - facciamo conoscere una produzione che, insieme a quella di Siena, si posiziona ai vertici della produzione mondiale. Ricordiamoci che dentro un calice di vino c’è un territorio”.

 “Nel 2018 il valore del vino aretino esportato – conclude il Segretario Generale Giuseppe Salvini - è stato di circa 87 milioni di euro (con una variazione rispetto al 2017 di +4,2%). I paesi più importanti per il nostro export sono Germania (41 milioni di euro, + 2,8% , Francia ( 7 milioni di euro, +18,4%)   Regno Unito (6.4  milioni di euro +17,4%), Stati Uniti (4 milioni di euro + 17,1 %). Sono 61 i paesi nel mondo verso i quali esportiamo la produzione vitivinicola aretina, dalla Germania, il nostro partner più importanti fino a Trinidad e Tobago, il paese che chiude la classifica”.

Tags: Camera di Commercio Vinitaly Strada del vino Terre di Arezzo