All'Istituto Buonarroti-Fossombroni il processo tributario arriva in classe

. Inserito in Economia

 

Si intitola “Fisco e legalità” il progetto promosso dall’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti contabili della provincia di Arezzo, in collaborazione con l’Istituto Buonarroti-Fossombroni, che si svolgerà nei giorni 20 e 21 maggio presso l’aula Magna di Piazza della Badia.

L’iniziativa vede l’adesione dell’Ordine degli Avvocati e dell’Associazione Magistrati Tributari. Si parte venerdi  20 pomeriggio, alle 15, con il convegno sul tema “L’oreficeria e i metalli. Normativa, pressi e giurisprudenza”. Tra i relatori esperti del mondo economico, giuridico e fiscale, oltre che imprenditori del settore orafo. Sabato 21, dalle ore 9, invece, verrà effettuata una simulazione del processo tributario  alla presenza di magistrati e con gli studenti che saranno protagonisti attivi.  Il progetto “Fisco e legalità” si propone di sviluppare nei giovani sia la cultura della legalità, sia il senso di responsabilità civile e sociale, insieme all’esercizio della cittadinanza attiva. “Dopo la fiera che si è tenuta finalmente in presenza, questo convegno per sottolineare una volta di più le origini della crescita economica di questa città – spiega il presidente dell’Ordine dei Commercialisti Roberto Tiezzi -  La trasformazione della nostra economia da rurale ad industriale è dovuta in larghissima parte a questo metallo prezioso. La collaborazione con la scuola Buonarroti-Fossombroni nasce dal fatto che  gli ordini professionali devono rappresentare l’anello di congiunzione ideale per avvicinare gli studenti al mondo del lavoro – prosegue Tiezzi -  Il progetto Fisco e Legalità costituisce un esempio pratico di come l’apprendimento sui libri venga trasfuso nella pratica lavorativa. Per i ragazzi sarà una esperienza formativa unica sotto tutti i punti di vista. Con l’Ordine degli Avvocati abbiamo sempre condiviso iniziative importanti. La presenza dei Magistrati fra i relatori di questo convegno, è servita da collante per mettere insieme un progetto di alto livello per i nostri studenti e per tutta la città” – conclude Tiezzi. 

L’obiettivo è quello di sviluppare la consapevolezza che l’obbligazione tributaria è alla base dei diritti di cittadinanza che sono garantiti dallo Stato, come quello alla salute, all’istruzione e alla sicurezza. “Fondamentale risulta l’attività diretta a migliorare tra i giovani sia la conoscenza della materia fiscale, sia il ruolo svolto dai professionisti, in modo tale da renderli consapevoli dell’importanza del loro ruolo di  futuri contribuenti – spiega il professor Riccardo Guiducci, coordinatore scientifico del progetto – al tempo stesso gli studenti avranno modo di conoscere la funzione istituzionale di apparti giurisprudenziali come le commissioni tributarie  e la Corte di Cassazione”.

Tags: Istituto Fossombroni Ordine dei Commercialisti di Arezzo