Simone Angiulli presidente dell’area aretina di Confesercenti

. Inserito in Economia

“Turismo, parcheggi, decoro e sicurezza per valorizzare il commercio di vicinato in centro e nei quartieri”. È Simone Angiulli il nuovo presidente dell’area aretina di Confesercenti Arezzo. Il commerciante, fotografo della storica attività “Ottica Franchini” è stato nominato punto di riferimento per i colleghi.

Da tempo impegnato nell’associazione di categoria ha in più occasioni promosso e coordinato gli eventi e le iniziative mirate a valorizzare le attività economiche e a promuovere lo shopping tra le vetrine dei negozi.  Per Simone Angiulli: “Decoro del centro storico, delle arterie commerciali cittadine e dei quartieri, sicurezza e legalità, ampliamento della rete dei parcheggi, Fiera Antiquaria e crescita del turismo sono indispensabili per la valorizzazione del commercio di vicinato”.
Angiulli promette di non lasciare nessun collega indietro e di voler raccogliere idee e progetti da concretizzare sia nel centro storico, che nei quartieri e nelle periferie. “Il tessuto economico cittadino” puntualizza il neo presidente dell’area aretina “è importante, in tutte le sue sfaccettature e in ogni zona. Credo che sia fondamentale valorizzare, in modo paritario, ogni strada di quartiere, di periferia e del centro storico. Non devono esserci commercianti di serie A e colleghi di serie B”.
Per il presidente dell’area aretina di Confesercenti “interventi a vantaggio del decoro e della sicurezza portano benefici non solo per i commercianti ma anche per i residenti di quelle zone e per gli aretini in generale”. “Parto dal presupposto” dice Angiulli “che le vetrine accese e illuminate sono un presidio del territorio. Oltre ad offrire servizi, i negozi e il commercio tutto, garantiscono benefici in termini di vivibilità”.
“L'impegno che mi assumo con la nomina” aggiunge Angiulli “è quello di fare da capofila con i colleghi affinchè si possa creare una condivisione di interessi. Credo che il tema del turismo, la sua valorizzazione e crescita, sia la strada da seguire per vedere sviluppare la città. Servirà un confronto costante e diretto con l'amministrazione comunale ma anche con la Fondazione Arezzo Intour, impegnata, da tempo, a far decollare il turismo in città e a renderla più accogliente ai visitatori e ai turisti sia italiani che stranieri. Terminata la triste pagina della pandemia sarà prezioso tornare alla normalità, più in fretta possibile”.
Per il presidente dell’area aretina: “sarà importante anche valorizzare la Fiera Antiquaria”. “Un evento identitario per la città e capace di ripetersi ininterrottamente, con cadenza mensile, da oltre 50 anni. Dopo lo stop causato dall’emergenza Covid, ci sarà bisogno di un rilancio. Fondamentale sarà fare tornare gli espositori per le strade e le piazze del centro affinchè si possa continuare a creare quella sinergia tra le attività in sede fissa e gli operatori della Fiera Antiquaria”.
Decoro e legalità sono altri temi che vedranno impegnato Angiulli. “Con la mia attività sono una sentinella sia nella centralissima Piazza Sant'Agostino, sia in zona Saione con il negozio di via Vittorio Veneto sia in zona San Lorentino in via Marco Perennio. Conosco quindi molto bene le esigenze dei colleghi sia dei quartieri, sia delle arterie commerciali di ingresso alla città, sia del centro storico. Sono identiche. Purtroppo, ciclicamente, alcuni disagi si verificano un po’ tutte nelle varie zone della città. Per il futuro sarà importante non abbassare la guardia e quindi dovremo sollecitare un crescente impegno da parte delle istituzioni e delle Forze dell’Ordine”.
“Inoltre credo che sia importante” conclude Angiulli “in un’ottica di Arezzo-città turistica, sollecitare le amministrazioni locali, affinchè la città sia maggiormente accogliente. Per questo ho molto a cuore, come tantissimi miei colleghi, il tema dei parcheggi e credo che l’amministrazione debba rafforzare la  rete dei parcheggi. Una città per essere viva e attraente deve essere accessibile. Infine un ringraziamento va ai colleghi per la fiducia e per la stima riconosciutami”.

Tags: Confesercenti Simone Angiulli