La Confcommercio scrive al prefetto. Fei: "Serve un presidio per piazza Sant'Agostino"

. Inserito in Economia

Con la chiusura serale dei locali e il coprifuoco c'è il rischio che rifacciano capolino vecchi problemi di microcriminalità che gli imprenditori e l'associazione di categoria aretina, in collaborazione con le forze dell'ordine e l'amministrazione comunale, erano riusciti ad eliminare. La vicedirettrice Catiuscia Fei: "È la dimostrazione di quanto siano importanti negozi e pubblici esercizi nella loro funzione di presidio del territorio"

La Confcommercio Arezzo ha scritto al prefetto di Arezzo per chiedere un'attenzione particolare su piazza Sant'Agostino. "È stata oggetto di un'operazione di riqualificazione molto importante, durata anni, che non è consistita solo nel rifacimento della pavimentazione o in altre migliorie all'illuminazione pubblica e agli arredi urbani, ma piuttosto in una serie di iniziative ricreative e culturali che, di evento in evento, hanno riportato famiglie e aretini di ogni età a frequentarla", spiega Fei.

"È stato un lavoro di squadra di cui siamo ancora fieri, portato avanti con la collaborazione delle forze dell'ordine, dell'amministrazione, di tutti gli imprenditori. Vogliamo che si mantenga quanto acquisito e che la piazza, finita l'emergenza pandemica, torni ad essere luogo di socialità e divertimento per tutti.

Ecco perché è bene essere vigili adesso: con negozi, bar e ristoranti chiusi manca un presidio importante. Contiamo che il prefetto accolga la nostra richiesta e ci rendiamo disponibili a fare quanto possibile per collaborare con le forze dell'ordine".

Tags: Prefettura Arezzo Catiuscia Fei Piazza Sant'Agostino Confcommercio Arezzo