Imprese Arezzo: estrema incertezza, quadro economico complesso. Calano nuove iscrizioni e cessazioni

. Inserito in Economia

Diminuiscono le nuove iscrizioni al Registro Imprese; analogo andamento anche per le cancellazioni. Il commento di Massimo Guasconi, presidente dell'ente camerale e Marco Randellini, segretario, sui dati Movimprese al 31 dicembre scorso 

Nel 2020 in provincia di Arezzo sono nate infatti 1.627 nuove attività rispetto alle 1.933 dell'anno precedente (con una contrazione del -15,8%), mentre le cessazioni - che erano state 2.115 nel 2019 - sono scese a 1.758 alle fine dell'anno appena conclusosi (con una contrazione del -16,4%). Le sedi di impresa in provincia di Arezzo al 31 dicembre 2020 si attestano a 37.139 unità, con un saldo negativo del -0,38% pari a 141 attività in meno.

"L'estrema incertezza delle prospettive future, derivante dall'evoluzione della pandemia", commenta il presidente della Camera di Commercio di Arezzo-Siena Massimo Guasconi, "ha di fatto congelato la nati-mortalità del sistema imprenditoriale italiano così come di quello locale".

"Ce lo confermano i dati del Movimprese, soprattutto per quanto concerne l'entità delle cessazioni. È necessario ricordare come le cancellazioni si concentrino normalmente nel primo trimestre di ogni anno, ma indubbiamente le attese legate ai benefici e agli effetti dei vari Decreti Ristori sembrano aver quantomeno posticipato possibili cessazioni di attività. Addirittura in provincia di Arezzo il dato complessivo 2019 aveva fatto segnare una contrazione più marcata, -0,48%, con una differenza in negativo di -182 imprese rispetto alle -142 di quest'anno. Sarà comunque necessario attendere i dati complessivi del 2021 (se non addirittura del 2022) per riuscire a quantificare le reali conseguenze della pandemia sul nostro sistema economico".

"La contrazione delle nuove iscrizioni", spiega il segretario generale dell'Ente camerale Marco Randellini, "è la più rilevante degli ultimi 20 anni e supera anche quella del 2008, l'anno dell'inizio in Italia della grande crisi economico-finanziaria. Per quanto concerne le forme giuridiche, anche in questa fase emergenziale le società di capitale confermano il loro ruolo di motore del sistema imprenditoriale. Nel 2020 sono infatti cresciute dell'1,97% con un saldo di +207 imprese. In flessione invece sia le società di persone (-1,16%, ovvero -75 unità) che le imprese individuali (-1,40%, cioè -274 unità). Stabili le altre forme societarie - categoria che comprende per lo più le società cooperative - che ha un incremento dello 0,12%. Per quanto concerne le imprese artigiane, il dato 2020 presenta un saldo negativo, in valori assoluti, di 156 unità".

"Se si analizza l'andamento della nati-mortalità per i settori più significativi del nostro sistema economico, si evidenzia una flessione dell'agricoltura (-1,9%, -110 unità) e del manifatturiero (-1,3%, -70 unità). All'interno del manifatturiero registriamo una lieve contrazione (-0,7%) della moda, che dalle 1.081 aziende del 2019 scende a 1.073 ed una più consistente (-2,3%) della gioielleria-oreficeria, che perde 32 imprese, attestandosi a 1.361 unità. In flessione dell'1,8% il commercio all'ingrosso e al dettaglio - che perde 144 imprese - mentre cresce il numero delle imprese nelle costruzioni (+0,6%), in tutti i servizi e nel settore più penalizzato dall'emergenza Covid-19, alloggi e ristorazione, che dalle 2.595 imprese del 2019 passa alle attuali 2.613 (+0,7%). Come già sottolineato dal presidente Guasconi, occorrerà comunque attendere i prossimi trimestri e gli altri macroindicatori per avere un quadro significativo degli effetti della pandemia sull'economia aretina".

Tags: Crisi Camera di Commercio Imprese Massimo Guasconi Marco Randellini

Bianca Sestini

Bianca Sestini

Sono laureata in giurisprudenza e ho concluso il praticantato presso la Scuola di Giornalismo "Massimo Baldini" della Luiss di Roma. Parlo Inglese e un po' di Francese. Sono appassionata di fotografia, documentari e podcast della Bbc. Società, viaggi, cultura e scienza sono le aree che sono più curiosa di esplorare.