Ieri Saman, oggi Chiara. Basanieri: "Andare oltre i pregiudizi e gli steccati ideologici"

. Inserito in Diario di Bordo

Il documento unanime della commissione toscana presieduta da Francesca Basanieri: “Dolore e sdegno. Ora le azioni concrete che servono anche in Toscana. Stereotipi, pregiudizi e discriminazioni che, abbiamo visto anche ad Arezzo, non sono solo appannaggio degli uomini ma anche, a volte, delle stesse donne". 

Francesca Basanieri: "Il documento è stato elaborato e votato all'unanimità da tutta la Commissione, dimostrando che lavorare per il bene e l'autodeterminazione delle donne significa saper andare oltre le divisioni e gli steccati ideologici. C'è bisogno di coesione e lavoro di squadra per poter modificare la cultura attuale e abbattere stereotipi, pregiudizi e ogni atto di violenza e prevaricazione che trasforma le donne in proprietà di qualcuno o in oggetto. Stereotipi, pregiudizi e discriminazioni che, abbiamo visto anche ad Arezzo, non sono solo appannaggio degli uomini ma anche, a volte, delle stesse donne.
Nessuna cultura, purtroppo, è esente da questo: ieri Saman, oggi Chiara. Ogni giorno un femminicidio con donne sempre più giovani. La Commissione, la politica, la società tutta devono stringere un forte patto di collaborazione affinchè queste tragedie non accadano più e per far questo bisogna fare in modo che fin dai primi anni di vita si porti avanti il valore dell'uguaglianza e del rispetto reciproco e ci sia da parte delle bambine e dei bambini la consapevolezza delle proprie libertà e dei propri diritti".
 
Dolore e sdegno per la tragedia di Saman Abbas. È quanto esprime la Commissione regionale per le Pari opportunità, che si è riunita nei giorni scorsi e ha prodotto un documento nel quale prende posizione sulla terribile vicenda e indica le azioni per prevenire e contrastare la crescente violenza di genere, che sfocia troppo spesso in femminicidi. La commissione toscana, presieduta da Francesca Basanieri, ha approvato un documento all’unanimità. “Questo è un momento storico in cui l'attenzione della società rispetto alla condizione delle donne e le risorse che arriveranno dal Pnrr ci spronano a lavorare in tutte le direzioni in modo che le donne abbiano maggiore consapevolezza, autonomia e possibilità di autodeterminare la loro vita e le loro relazioni”, dice la presidente.

“Il caso di Saman non è, purtroppo, isolato ed è frutto di un sistema patriarcale che, all’interno di ogni cultura e società, assume connotazioni diverse ma ha la stessa matrice: il dominio maschile sulla donna”, si legge nel documento. “Il matrimonio forzato è una violenza di genere e una violazione dei diritti umani, come lo sono ogni atto che trasforma le donne in oggetto, in una proprietà di cui l’uomo (molte volte un familiare, padre, marito, compagno, amico) pensa di poter decidere disponendo dei  loro corpi e delle loro vite, soprattutto nel momento in cui affermano autonomia e libertà di scelta. I numeri e i casi di femminicidio, aggiornati quotidianamente dal sito femminicidioitalia.info, ci dicono che nessuna cultura ne è esente”. Si ricordano la Dichiarazione universale dei Diritti Umani (“ogni individuo ha diritto alla vita, alla liberta` ed alla sicurezza della propria persona”), con l’Assemblea Onu che inserisce una dichiarazione sull’eliminazione della violenza contro le donne, e la Convenzione di Instanbul.

“Nella vita e nella tragedia di Saman – si legge ancora nel documento della Commissione toscana per le Pari opportunità – ci sono nodi intricati che riguardano tutti noi, il nostro presente e il nostro futuro. Se le indagini confermeranno le terribili ipotesi, sapremo che Saman è stata brutalmente uccisa qui, nel Paese dove sognava di vivere da donna libera e dove ha tentato di chiedere aiuto”. Molte nostre città sono piene di casi simili, “donne e ragazze che chiedono aiuto. La cronaca ci racconta di queste tragedie quando è troppo tardi e le forze dell’ordine le affrontano, purtroppo, ogni giorno”.

Si sente il dovere di “agire velocemente e bene”, evitando che la tragedia di Saman diventi “l’ennesimo pretesto per uno scontro politico e per guerre di parole”. Queste le proposte della Crpo: avviare una verifica e un monitoraggio rispetto a tutti quegli istituti che si fanno carico delle donne e delle famiglie immigrate, a partire dai CDA - Centri di accoglienza, Centri Antiviolenza, Case-famiglia, Associazioni che coadiuvano i CPIA  (Centri Permanenti  di Istruzione Adulti ), cioè  tutti i dispositivi funzionanti con risorse pubbliche. Un intervento “coordinato d’istruzione e tutela che garantisca a tutte le donne l’accesso alla scuola, alla conoscenza della lingua italiana ed anche al lavoro”, puntando innanzitutto sulla prevenzione, con il coinvolgimento delle famiglie di appartenenza “a partire dagli uomini”.

La Commissione, da poco insediata, ritiene utile proseguire quanto avviato nel mandato precedente dalla Crpo, allora presieduta da Rosanna Pugnalini: “la diffusione e l’adozione nelle scuole della ‘Carta dei Diritti della Bambina’, documento unico nel panorama della cultura di genere e l’iniziativa ‘Bambine, non spose’, dove si erano presentati i risultati del lavoro svolto da ADMI e DIM sul fenomeno dei matrimoni precoci e forzati”.

Si propone inoltre di “avviare un nuovo monitoraggio territoriale dei protocolli di collaborazione tra i Centri antiviolenza, le Amministrazioni, i servizi territoriali, i Tribunali dei Minori, riunendo in maniera costante e continuativa il Tavolo di Lavoro sulla Violenza di Genere che si è appena ricostituito”; di rafforzare “la rete di accoglienza, ascolto, orientamento e la presa in carico delle donne vittime di violenza e dei loro figli, tenendo conto della complessità del fenomeno e della necessità di percorsi personalizzati, che valutino il rischio e un piano di protezione in emergenza, in rete con i servizi territoriali e che evitino, inoltre, la vittimizzazione secondaria nelle aule dei tribunali e nella comunicazione”; di consolidare “il sistema di accompagnamento di uscita dalla violenza che permetta l’autodeterminazione della donna”; di rivedere le leggi regionali 59/2007 (violenza di genere)16/2009 (cittadinanza di genere), “alla luce dei cambiamenti della società attuale, rispetto ad uno scenario sociale e amministrativo fortemente mutato”; di predisporre in Toscana, infine, “un momento collettivo di confronto che, a partire dai dati sulla situazione delle donne vittime di violenza, possa iniziare percorsi condivisi con i territori per contrastare questi fenomeni”.

“Dobbiamo agire a livello culturale ma anche a livello pratico – sostiene Francesca Basanieri – rivedendo e migliorando tutta la rete di protezione che si forma intorno alle donne vittime di violenza. Il nostro compito è quello di ascoltare i territori, le associazioni, le donne della Toscana e portare proposte al Consiglio Regionale in modo da restituire ai territori risposte concrete”.

Tags: Francesca Basanieri Pari opportunità Saman

Guido Albucci

Guido Albucci

Di tante passioni, di molti interessi. Curioso per predisposizione, comunicatore per inclinazione e preparazione