L'Italia s'è desta divisa e col coprifuoco

. Inserito in Diario di Bordo

Il presidente del Consiglio ha firmato il nuovo Dpcm. La penisola si divide in zone rosse, zone arancioni e zone verdi, tre aree con misure differenziate. Coprifuoco dalle 22 alle 5 per tutti, nel weekend centri commerciali chiusi. Torna l'autocertificazione

Nel nuovo DPCM firmato poco dopo mezzanotte dal presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte e che in giornata sarà pubblicato, l’Italia viene divisa in 3 zone: Zona Rossa, Zona arancione, Zona verde, con misure via via sempre più restrittive. Sarà il Ministero della Salute con apposite e specifiche Ordinanze  a decidere in quale Zona saranno inserite le Regioni, tenendo conto dei 21 parametri riportati nel documento "Prevenzione e risposta Covid-19, evoluzione della strategia per il periodo autunno inverno" che vanno dell'indice di contagiosità (RT), ai focolai, situazione dell'occupazione dei posti letto negli ospedali ecc.

Le misure valide per tutto il territorio nazionale

Chiusura nei giorni festivi e prefestivi di centri commerciali (ad eccezione di farmacie, alimentari ed edicole), corner di scommesse, musei e mostre

Riduzione della capienza dei mezzi di trasporto al 50%

Limite agli spostamenti da e verso le Regioni che presentano elevati livelli di rischio, salvo per esigenze di lavoro, studio, salute e necessità

Coprifuoco dalle ore 22.00 alle ore 5.00

Torna l’autocertificazione per comprovare le motivazioni degli spostamenti (laddove richiesto)

Introduzione integrale della DAD (Didattica a Distanza) a partire dalle scuole superiori. Obbligatoria la mascherina in classe

Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5.00 fino alle 18.00. Il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi. Dopo le ore 18.00 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico; resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati. Resta consentita in qualsiasi orario la ristorazione con consegna a domicilio e fino alle ore 22.00 la ristorazione da asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze

Regioni in zona arancione (livello 3, parametro 1,25-1,5)

Vietato ogni spostamento in entrata e uscita dalla Regione, salvo per esigenze di lavoro, studio, salute e necessità

Vietato ogni spostamento in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo per esigenze di lavoro, studio, salute e necessità

Chiudono le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie). Consentita sempre la ristorazione a domicilio e fino alle ore 22.00 la ristorazione da asporto

Gli studenti potranno andare a scuola in presenza dalle elementari fino alla seconda media (obbligatoria la mascherina in classe). Dalla terza media viene introdotta la DAD (Didattica a Distanza) al 100%

Regioni in zona rossa (livello 4 - parametro sopra l'1,5)

Vietato ogni spostamento in entrata e uscita dalla Regione e anche all’interno del territorio stesso, salvo per esigenze di lavoro, studio, salute e necessità

Vietato ogni spostamento in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo per esigenze di lavoro, studio, salute e necessità

Chiudono i negozi di vendita al dettaglio e tutte le attività di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, pizzerie, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo. Consentita sempre la ristorazione a domicilio e fino alle ore 22.00 la ristorazione da asporto. Sospesi anche i mercati

Sospese le attività sportive, anche svolte nei centri sportivi all’aperto. E’ consentito svolgere individualmente attività motoria (passeggiate) in prossimità della propria abitazione

Gli studenti potranno andare a scuola in presenza dalle elementari fino alla prima media (obbligatoria la mascherina in classe). Dalla seconda media viene introdotta la DAD (Didattica a Distanza) al 100%

I provvedimenti saranno valutati su base settimanale e avranno la durata minima di 15 giorni. Se una Regione entra in Zona rossa vi rimarrà per almeno 2 settimane.

Le disposizioni saranno in vigore dal 5 novembre al 3 dicembre 2020.. Attesi in giornata il testo del nuovo DPCM e l'Ordinanza del Ministero della Salute, che stabilità esattamente in quale zona sarà collocata momentaneamente la Toscana.

Tags: Coronavirus DPCM

Guido Albucci

Guido Albucci

Di tante passioni, di molti interessi. Curioso per predisposizione, comunicatore per inclinazione e preparazione