Invasione umanitaria dell'asse rosso: Cina, Cuba, convogli medico militari di Putin lungo la A1 Ar24Tv

. Inserito in Diario di Bordo

Pechino non ha esitato a mobilitarsi per aiutare l'Italia impegnata nell'emergenza, Mosca ha atteso che fosse palese l'immobilismo dell'Ue e la latitanza Usa. L'"asse rosso" è determinato a far sentire il proprio peso. Il convoglio sovietico è transitato lungo il tratto aretino della A1.

Nel video amatoriale: il convoglio russo in transito lungo il tratto aretino della A1

Medici russi già sistemati a Bergamo, con lo slogan, affisso su ogni convoglio ,"Dalla Russia con amore", come il film 007 "From Russia with Love" del 1963 diretto da Terence Young, seconda pellicola della serie spionistica di James Bond. Ma non è un film, è la cruda realtà. Nella città lombarda devastata dal coronavirus, un generale comanda un presidio sanitario, con tanto di virologi, di oltre 100 persone. Dalla Toscana alla Lombardia: centinaia di ventilatori e medici di provenienza russa, cinese (arrivati a Malpensa) e cubana. Mentre l'Europa si arrovella e gli Stati Uniti balzano in testa come numero di casi di coronavirus a livello mondiale e quindi guardano soprattutto a problemi interni, è il cosiddetto "asse rosso" a correre in aiuto dell'Italia. Solidarietà umanitaria senza secondi fini, come rivendicato dall'ambasciatore russo in Italia, o "soft power"? Vedremo. Intanto, grazie.

Tags: Russia Cina Coronavirus Cuba

Guido Albucci

Guido Albucci

Di tante passioni, di molti interessi. Curioso per predisposizione, comunicatore per inclinazione e preparazione