Canguro investito da auto. Potrebbe essere il marsupiale del Calcione

. Inserito in Cronaca

Due anni fa numerose segnalazioni erano giunte ai Carabinieri: in molti giuravano di aver visto un canguro aggirarsi nei boschi della zona del Calcione, al confine tra le province di Arezzo e Siena. Potrebbe essere lo stesso animale ritrovato morto all'alba di oggi, investito probabilmente da un'auto lungo la strada provinciale di Laterina Pergine Valdarno.
Si tratterebbe di un Wallaby, un marsupiale più piccolo del canguro, originario dell’Oceania centrale e meridionale. Per gli scienziati, la sua taglia non è sufficientemente grande per essere considerato un canguro a tutti gli effetti. Fatto sta che se fosse lo stesso animale del Calcione, comune di Lucignano, ha percorso chilometri per arrivare lungo la provinciale 18 della Trove, comune di Laterina Pergine Valdarno e andare incontro ad un terribile destino. L'allerta alle 6.50, da parte di una giovane automobilista di passaggio. Subito allertati i Carabinieri Forestali e gli operatori della Asl Toscana Sud Est per le operazioni di recupero della carcassa e le indagini del caso. All'epoca degli avvistamenti, agosto 2020, sarebbe stato trovato in compagnia di un altro esemplare simile. Conviene ricordare  che la detenzione di un marsupiale, come di ogni altro animale esotico, deve essere notificata alla Prefettura competente per territorio.
Simona Neri, sindaco di Laterina Pergine Valdarno, conferma la notizia:
"Questa mattina presto sono stata avvisata da una mia concittadina che lungo la provinciale della Trove si trovava la carcassa di un canguro, probabilmente investito da un'auto durante la notte, ed è stato chiesto l'intervento del Comune per ritirarne il corpo. Da tempo circolavano segnalazioni della presenza di questo particolare animale, ma non nel nostro Comune, credo che sia arrivato qui dopo lunghe peregrinazioni. Sono rimasta scioccata e lo sono tuttora, dispiaciuta ed amareggiata: non è la prima volta che animali esotici o pericolosi vengono adottati e detenuti irresponsabilmente come giocattoli all'interno delle abitazioni private, magari acquistati ricorrendo al mercato nero. Questa creatura si è trovata a vivere in un ambiente morfologicamente e climaticamente estraneo, totalmente isolata, senza un branco di riferimento, senza misure protettive adeguate per la sua detenzione in cattività: quello di stanotte, purtroppo, è stato un epilogo tragico ma fin troppo scontato. Mi dispiace moltissimo".

Tags: Laterina Pergine Valdarno canguro