Ladri di bici e furto in sala giochi, beccati i responsabili

. Inserito in Cronaca

Montevarchi: due operazioni dei Carabinieri nel volgere di pochi giorni consentono di identificare e denunciare 2 pregiudicati.

Continuano senza sosta i servizi mirati alla prevenzione ed alla repressione dei reati predatori da parte dei Carabinieri della Compagnia di San Giovanni Valdarno, che negli ultimi giorni sono riusciti a mettere a segno due colpi importanti alla cosiddetta “microcriminalità”. In entrambi i casi, determinante è stata la tempestività dell’azione investigativa dei militari operanti, effettivi alla Stazione Carabinieri di Montevarchi, che hanno deferito deferire all’Autorità Giudiziaria due giovani poco più che 20enni, implicati in due differenti episodi delittuosi.

Nel primo caso, i militari della stazione del popoloso centro valdarnese sono riusciti ad identificare l’autore di un furto di bicicletta perpetrato nello scorso mese di maggio in via Burzagli, una delle principali arterie di ingresso alla città. Il furto era stato perpetrato in un momento in cui, in quella strada solitamente molto trafficata sia da veicoli che da pedoni, vi era invece un momento di quiete. Il malvivente aveva preso di mira una bicicletta del tipo da passeggio, da donna, lasciata assicurata dalla proprietaria ad uno degli stalli disponibili. Assicurata la bici, la donna aveva tranquillamente proceduto alle proprie normali attività quotidiane, salvo poi, una volta di ritorno, trovarsi di fronte alla sgradevole sorpresa: il lucchetto di sicurezza era stato spezzato, e della bici – del valore di circa 200 Euro – non vi era nessuna traccia. Dopo averlo invano cercato dappertutto, ha denunciato l’accaduto ai Carabinieri di Montevarchi. Questi, una volta avuta chiarezza sul quadro dell’accaduto, hanno subito ipotizzato che qualche malintenzionato avesse potuto approfittare della momentanea assenza della donna per impadronirsi della bicicletta, di non trascurabile valore economico (anche se, per la parte offesa, il danno maggiore era sicuramente quello affettivo). I Carabinieri hanno quindi avviato un’indagine lampo, incentrata sull’escussione delle testimonianze di chi era transitato dalla strada in quella fascia oraria, e sull’analisi delle immagini dei circuiti di videosorveglianza presenti in loco e nelle vie limitrofe. La tenacia ha premiato, perché l’insieme degli elementi indiziari così acquisiti ha consentito di individuare il reo: si tratta di un giovane locale, poco più che ventenne, che è stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Arezzo, per furto aggravato. I Carabinieri di Montevarchi hanno quindi provveduto anche a recuperare la refurtiva, ed a restituirla alla legittima proprietaria, felicissima di rientrare in possesso della propria fida bicicletta.

Nel secondo caso, invece, i Carabinieri della Stazione di Montevarchi sono riusciti a far luce su un furto perpetrato all’interno di una sala giochi. Nella circostanza, ad essere denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Arezzo, anche qui per furto aggravato, è stato un 24enne di origini albanesi, già da tempo noto alle Forze dell’Ordine. Il giovane aveva preso di mira un esercizio ubicato nella zona commerciale sorgente nella parte nord della città, gestito da alcuni imprenditori cinesi del settore. Per come è stato ricostruito dai Carabinieri che si sono occupati dell’indagine, il malfattore era riuscito, preventivamente, ad impossessarsi delle chiavi di apertura del cassettino di un apparecchio cambia monete. Successivamente, nei giorni seguenti, a più riprese aveva attinto a piene mani dalla macchinetta ormai violata, riuscendo ad intascarsi la somma di millecinquecento Euro, in monete da 1, 2 e 50 centesimi Euro. Accortosi dell’ammanco qualche giorno dopo, il titolare della sala giochi aveva quindi sporto denuncia, dando il là alle indagini dei Carabinieri, conclusesi oggi con l’inoltro della comunicazione di notizia di reato alla locale Procura.

Tags: Carabinieri Valdarno