Assembramenti di giovani a San Giovanni, malata oncologica resta bloccata

. Inserito in Cronaca

San Giovanni Valdarno, via Vetri Vecchi teatro di assembramenti di adolescenti. La segnalazione di una donna con problemi di salute fa intervenire il comune: “Siamo a conoscenza di questa grave situazione

Basta andare su Facebook, nel profilo "sei Sangiovannese vero se", per prendere effettiva visione di quello che sta accadendo a due passi dal centro storico cittadino, per la precisione in via Vetri Vecchi, la strada che porta, dalla piccola periferia, alla stazione ferroviaria. Continui post di cittadini esasperati dagli assembramenti di adolescenti negli ultimi giorni. Un caso che ha destato l’attenzione più di altri è quello di una donna, già malata oncologica come si legge, che è stata aggredita mentre con la propria auto, con all’interno due minorenni, voleva semplicemente passare per far ritorno a casa. Un episodio, come altri che si sono verificati nei giorni scorsi, che sta creando non poche problematiche e polemiche, tanto che l’amministrazione comunale, sempre su Facebook e sul proprio profilo istituzionale, non solo ha risposto alla signora ma ha, altresì, confermato di essere a conoscenza di questa grave situazione che confida di poter risolvere in sinergia con le forze dell’ordine ed anche con la Prefettura. C’è poco o niente da aggiungere: le vigenti restrizioni hanno sicuramente cambiato il nostro modo di vivere e passare il tempo, ma qui siamo di fronte ad una sorta di teppismo non così tanto semplice da debellare. Si fa appello anche alla coscienza dei genitori dei minori interessati, pare difficile però pensare che le semplice ramanzine abbiano effetti immediati.

 

Tags: San Giovanni Valdarno

Massimo Bagiardi

Massimo Bagiardi

Giornalista pubblicista da 20 anni ho da sempre curato la passione per lo sport e in particolare per la Sangiovannese calcio che seguo con passione ogni Domenica e in tutte le occasioni dal lontano 1989.

Amo la musica anni 80, ho creato e gestisco forzasangio.it sito che parla del magnifico mondo azzurro