Commercianti truffati con la tecnica del "rendez moi", tre persone denunciate

. Inserito in Cronaca

Mettevano in scena una vera e propria confusione organizzata per poi farsi consegnare somme superiori a quelle in realtà dovute di resto: tre uomini sono stati bloccati ad Arezzo, dopo colpi messi a segno in Valtiberina

Grazie a un bel lavoro di coordinamento del Comando Provinciale di Arezzo e la sinergia dei suoi reparti dipendenti, il Comando Compagnia di Arezzo e la Stazione Carabinieri di Monterchi, attivati dalle segnalazioni su linea di emergenza 112 di alcuni esercenti commerciali vittime di truffa, consumate in Valtiberina nel pomeriggio di sabato 11 luglio, 3 cittadini romeni pregiudicati sono stati denunciati per aver messo a segno la truffa del rendez moi, o truffa del resto, consistente nel pagare oggetti dal modico valore con banconote di grosso taglio, cinquecento o duecento euro, inducendo in errore il malcapitato esercente commerciale, con una vera e propria confusione organizzata per poi farsi consegnare somme superiori a quelle in realtà dovute di resto. I tre hanno prima tentato di mettere a segno un colpo presso un’area di servizio lungo la E-45, poi sono riusciti a truffare un bar nel comune di Monterchi, guadagnando la somma di 500 euro. Entrambi gli esercenti hanno contattato il 112 e i Carabinieri sono riusciti a individuarli nel comune di Arezzo. A seguito di perquisizione i tre sono stati trovati in possesso di un’ingente somma di denaro della quale non hanno saputo fornire la provenienza e che è stata sequestrata dai militari. L’attività, resa possibile perché armonizzata in modo preciso da parte della Centrale Operativa di Arezzo, ha consentito di recuperare il provento della truffa consumata, che verrà riconsegnato all’esercente truffato.

Tags: Carabinieri Forestale Carabinieri Truffa Monterchi