Lavoratori in nero, mancata emissione di scontrini, 700 prodotti pericolosi sequestrati dalle Fiamme Gialle

. Inserito in Cronaca

La Tenenza di Poppi, nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di controllo economico del  territorio, svolti nell’area del Casentino, ha sottoposto a sequestro circa 700 prodotti “non sicuri”, per lo più giocattoli e materiale elettronico. Tre le attività commerciali coinvolte.

I Finanzieri hanno avviato i controlli con l’obiettivo di tutelare gli operatori economici "regolari" dalla sleale ed illecita concorrenza posta in essere da chi vende merce priva dei requisiti di sicurezza, a costi decisamente inferiori (e talora in “evasione” d’imposta”), ma danneggiando il consumatore.

I tre imprenditori dovranno, ora, pagare pesanti sanzioni, che possono arrivare fino ad oltre 25.000 euro, in relazione al prezzo unitario di listino di ciascun prodotto ed al numero complessivo posti in vendita.

L’azione delle Fiamme Gialle non si è limitata al contrasto della contraffazione ed alla tutela dei consumatori. Nel corso degli stessi servizi, sono stati effettuati dei controlli in materia di sommerso da lavoro, tesi ad individuare casi di sfruttamento della manodopera irregolare o in nero.

Due i lavoratori in nero individuati, in collaborazione con l’Ispettorato del Lavoro di Arezzo, che hanno determinato la chiusura dell’esercizio commerciale (avendo superato la soglia del 20% di lavoratori irregolari individuati rispetto al totale di quelli regolarmente assunti), oltre al pagamento delle sanzioni previste dalla normativa di riferimento.

Inoltre, a seguito di plurime mancate emissioni dello scontrino fiscale e della segnalazione delle Fiamme Gialle casentinesi all’Agenzia delle Entrate, nei giorni scorsi, si è proceduto
alla notifica del provvedimento di chiusura obbligatoria, per la durata di 3 giorni, nei confronti del titolare di un esercizio commerciale.

L’azione posta in essere dai Finanzieri della Tenenza di Poppi si inquadra nel più vasto ambito delle competenze di polizia economico-finanziaria attribuite al Corpo, a contrasto
delle forme di illegalità, sempre più diffuse, che danneggiano gli operatori economici regolari.

Tags: Casentino Guardia di Finanza