Def, debutto in Parlamento. D'Ettore: "Conferma del trend non positivo"

. Inserito in Camera e Senato

Prime riflessioni dell'On. D'Ettore sul Def approvato dal Governo e che sarà votato alla Camera dei deputati il prossimo giovedì 18 aprile: "Occorre una precisa svolta nella politica economica di questo Governo. Ripartire dall'edilizia"

Alcuni dati forniti dal Governo, che stima nel Documento di economia e finanza 2019:
- Crescita +0,1
- Occupazione -0,2
- Disoccupazione 11% 
- Deficit 2,4
- Debito 132,8

"Dati molto diversi - dichiara il deputato aretino Maurizio D'Ettore (FI) - in alcuni casi, dalle previsioni contenute nella legge di bilancio 2019 che confermano, invece, il trend non positivo che avevamo purtroppo segnalato da mesi per suggerire l'adozione di provvedimenti urgenti di natura correttiva.

Segnalo anche, per un particolare settore in crisi, quanto riportato dal Sole 24Ore: dal 2010 si sono persi 430 miliardi di investimenti nell’edilizia di cui 360 nell’edilizia privata e 70 nelle opere pubbliche.
Con i dati del Def e visto lo stato dell'economia italiana, dovuta anche a precedenti congiunture non positive, appare evidente che occorre una precisa svolta nella politica economica di questo Governo.

Chi appunto governa deve affrontare la realtà della situazione economica e dei conti pubblici. Non basta solo accollare ad altri le responsabilità - anche se sussistenti su alcuni comparti o settori - dovendosi assumere allo stato, l'attuale maggioranza, ogni dovere di "governare" anche ammettendo, con chiarezza, che la Legge di bilancio 2019 conteneva previsioni non realistiche ed ha purtroppo aggravato il quadro economico complessivo del Paese".

Fonte foto: Quotidiano.net

Tags: Maurizio D'Ettore