YouTopic Fest: in centinaia per Bisio e Pera Toons. Mediterraneo e Impresa i temi della seconda giornata Ar24Tv

Spazio anche al ruolo dei giovani e dei bambini, oggi gli interventi di Gherardo Colombo e Steve Della Casa

. Inserito in Attualità

Secondo giorno di YouTopic Fest, il Festival internazionale sul Conflitto promosso da Rondine Cittadella della Pace, che si svolge nel borgo alle porte di Arezzo fino a sabato 1 giugno riflettendo sul tema “Scommettere sulla fiducia, averla, riceverla, perderla, ritrovarla” (qui il programma: https://youtopicfest.rondine.org/).

“Uno degli ingredienti per arrivare alla pace, è la fiducia. Ma dove nasce questo patrimonio fondamentale? - si è chiesto Franco Vaccari, presidente e fondatore di Rondine -. Nasce esclusivamente nelle nostre relazioni. La fiducia è invisibile, eppure è assolutamente concreta, perché quando do o ricevo fiducia, cambia la relazione, in maniera visibile, misurabile, e quindi si può parlare dell’impatto della fiducia, un ponte invisibile verso l’altro. Io getto il ponte, mi metto in movimento, ma non c’è assicurazione che l’altro farà lo stesso. E’ un rischio, un brivido. E’ qualcosa di impegnativo che però trova appagamento nel suo esercizio”. 

La giornata di oggi si è aperta con il panel “Fiducia e relazioni, volano di crescita per imprese sostenibili di pace”, moderato da Francesco Ferragina, Presidente di Fondazione Kon. “La cooperazione richiede fiducia e la fiducia è un rischio - ha detto in apertura il prof. Leonardo Becchetti -. Ma come ci si può meritare fiducia? Attraverso il dono, cioè fare di più di quello che gli altri si aspettano da noi. Il dono stimola fiducia, creatività, cooperazione”. “Fiducia non è soltanto ‘fede’, ma anche ‘condividere’ - ha aggiunto Massimo Mercati, Amministratore Delegato di Aboca -. Far emergere questo significato è funzione fondamentale di chi gestisce un'impresa. Quindi in questa logica le relazioni sono il cuore. Questo implica un costante mettere in discussione quello che si fa, aprirsi, superando la dicotomia tra lavorare e vivere. La fiducia diventa una relazione costante”. E la fiducia è una precondizione su cui può svilupparsi l’economia che a sua volta stringe legami pacificatori: “Il business sano - ha detto Beatrice Baldaccini, Vicepresidente e Chief People & Brand Officer di Umbragroup e Presidente di Fondazione Baldaccini - aiuterà a creare relazioni di pace nel mondo. Tanto più le persone si incontrano, si relazionano tra loro e si umanizzano, tanto sarà più difficile far scoppiare delle guerre”. Una idea fortemente condivisa anche da Giovanni Grava, Amministratore delegato di Tutela Legale e fondamentale per il settore assicurativo. “Siamo venuti a Rondine perché siamo curiosi di conoscere da vicino questa realtà e poter essere più consapevoli del nostro ruolo nel mercato e nella società. Quando ce ne hanno parlato siamo rimasti subito colpiti dall’aria di positività che si respira in questo luogo e la capacità di guardare e investire sul futuro, soprattutto sui giovani, guardando agli altri e alle loro potenzialità. Siamo una compagnia di assicurazione, anch'essa un investimento sul futuro che viene fatto in forza della fiducia che un operatore può suscitare nel mercato. L’aspetto relazionale e la fiducia è quanto di più necessario possa esistere per il business assicurativo, è alla sua base”.

Durante la giornata si sono svolti numerosi workshop e percorsi interattivi alla scoperta della trasformazione creativa del conflitto per bambini adulti e professionisti tra cui “Il Metodo Rondine: una strada per trovare la propria strada”, un percorso interattivo promosso da Rondine Academy che attraverso i luoghi del borgo intende coniugare i contenuti del Metodo Rondine e stimoli di riflessione per la propria vita, personale e professionale.

Nel workshop “Alla ricerca della fiducia, la ‘ricerca’ sulla fiducia”, sostenuto dalla Fondazione Cattolica, si è parlato di nascita e sviluppi del Laboratorio sul Metodo Rondine dove docenti universitari e ricercatori si sono confrontati sul tema della fiducia collegata al Metodo Rondine. A distanza di sei mesi dal convegno inaugurale “Studi e ricerche sull’approccio relazionale al conflitto prospettive in dialogo sul Metodo Rondine” tenutosi presso la Pontificia Università Lateranense.

"Il simbolo della pace è l'ulivo, un albero che ha bisogno di 8 anni per produrre frutti" Sandro Calvani è membro del consiglio scientifico dell'istituto Toniolo per il diritto internazionale della pacei. "Il pensiero semina l'azione, l'azione un'abitudine, l'abitudine un carattere, il carattere un destino". La gradualità è insieme il rigore della pace. "Nel Nord Europa ci sono settimane e non weekend di educazione alla pace". E punta sulla fisicità dell'incontro, sui "cinque sensi dell'umanesimo". Obiettivo? "Non superare il conflitto ma confidare nel conflitto perché il conflitto è bello". "Ma non ci arriveremo - rilancia Emilce Cuda, segretaria per la pontificia commissione per l'America latina - finché nelle istituzioni nessuno metterà gli auricolari per ascoltare i poveri. Lo dice Papa Francesco: azioni di giustizia e di pace si fanno con i poveri e non per i poveri". Al tavolo anche Miguel Diaz, della Loyola Università di Chicago e a lungo ambasciatore grazie a Obama degli Usa nella Santa Sede. "Rondine è un'esperienza unica al mondo, ci sono tante scuole di educazione alla pace ma questa è l'unica che si applica nel quotidiano".

Un mosaico di fiducia: l’impatto dei giovani di Rondine nel Mare di Mezzo” era il titolo del Panel dedicato al Mediterraneo, una regione sempre più turbolenta e critica, moderato dal direttore di Famiglia Cristiana Stefano Stimamiglio. “Dopo il primo anno vissuto a Rondine insieme ad altri otto giovani di tutto il Mediterraneo siamo tornati nei nostri paesi di origine per sviluppare progetti a forte impatto sociale che adesso, nel secondo anno del progetto, stiamo svolgendo - ha spiegato Aldo Radi, albanese, 24 anni, partecipante al progetto Mediterraneo Frontiera di Pace -. Il mio progetto in particolare si occupa di promuovere un’Accademia di leadership per i giovani, che, come in tutti i Balcani, sono ‘cervelli in fuga’. Noi cerchiamo di dare strumenti ai giovani, con lezioni dei migliori docenti dell’Albania su cittadinanza attiva e democrazia. Grazie a questi strumenti, insieme alla nostra organizzazione, possono chiedere al Municipio e alle Istituzioni di fare cambiamenti per un futuro migliore”. “Sono stata un anno a Rondine nel 2022 - ha aggiunto Graziella Saliba - adesso lavoro con Caritas Libano in un progetto dedicato ai giovani per promuovere il bene comune. Il progetto ha coinvolto tremila giovani nelle scuole per implementare le loro competenze affinchè si impegnino nella società e promuove inoltre numerose attività estive, come campi formativi per i bambini, attività creative e sportive”.

Il workshop “Abitare il conflitto. Una questione di fiducia”, rivolto a bambini, pre-adolescenti e famiglie, ha permesso di sperimentare alcune attività di trasformazione del conflitto e di costruzione della fiducia, secondo il Metodo Rondine. E sono stati tantissimi i bambini messisi in fila già tre ore prima dell’intervento all’Angolo del Conflitto del fumettista Pera Toons intervenuto sul tema “Il conflitto con gli haters, la fiducia dei followers” preceduto da un firmacopie di tre ore: “Un grazie di cuore a Rondine che mi da la possibilità di parlare di una cosa fondamentale che è il tema della fiducia. Grazie alla fiducia che ho ricevuto dalla mia community sono riuscito mese dopo mese e anno dopo anno a migliorarmi, dandomi tante soddisfazioni personali riuscendo a far ridere quotidianamente le persone. Il successo infatti è basato sulla fiducia tra le persone”.

La giornata si conclude con l’intervento dell’ex magistrato Gherardo Colombo su “Libertà, legalità e cittadinanza: dal conflitto alla fiducia”, messosi a nudo all’Angolo del Conflitto e il Panel “Come in un film. Il cinema specchio dei conflitti della società” con il critico cinematografico Steve Della Casa.

La giornata di sabato 1 giugno si articola tra inaugurazioni, visite guidate, riflessioni sul ruolo dell’informazione nel contesto di guerra e formazione che hanno al centro il Metodo Rondine e la fiducia. Nel fitto panorama di eventi si segnala che nel Giardino dei Giusti, saranno piantati tre nuovi alberi, tra cui uno dedicato a Otello Lorentini, che ha combattuto perché venisse fatta giustizia in merito alla strage dell’Heysel e che compare nel libro I Giusti dello Sport (ore 9.30). Si parla anche di “Informazione, fiducia e conflitti armati” dove intervengono i giornalisti, Giuseppe Sarcina, Giovanni Porzio, Gabriella Simoni e Andrea De Angelis (ore 10-13), corso formativo riconosciuto dall’Ordine dei Giornalisti della Toscana e realizzato in collaborazione con Ucsi Toscana e Ungp Toscana; “Giovani, pace, sicurezza: verso nuove leadership di pace” (ore 11.30) con l’ambasciatore Luca Fratini e numerosi ospiti. Alle 14.30 Michele Serra si racconta nell’Angolo del Conflitto, mentre alle 16 il panel “Ricostruire la fiducia durante la guerra” vede intervenire l’attivista Hamza Awawde, Anita De Stasio Associazione amici di Neve Shalom, Gabriele Nissim presidente Fondazione Gariwo, Yuval Rahamim Co-CEO, Parents Circle; Families Forum.

Nella giornata di ieri grande successo aveva riscosso anche l’appuntamento con Claudio Bisio. "Qui mi sento a casa", aveva detto nella tarda serata di giovedì 30 maggio a Franco Vaccari, un duetto che prosegue fino a mezzanotte: il teatro tenda è strapieno per il suo film "L'ultima volta che siamo stati bambini" e alla fine il regista e attore si immerge in un dialogo serrato con il pubblico. "Mi ritrovo in una realtà che non nega i conflitti, la nostra vita ne è piena, ma lavora per superarli". Lui ne ha superati tanti per un film che racconta la Shoah dalla parte dei bambini. "La prima l'abbiamo fatta a Roma due giorni dopo la strage di Hamas, in un clima di tensione incredibile e la Digos in sala". È arrivato  Rondine grazie ad Alberto Belli Paci, il figlio di Liliana Segre, che lo ascolta dalla prima fila. "Ho fatto vedere il film anche a Liliana, ha apprezzato l'incrocio tra leggerezza e incubo, per me è stata la spinta più importante". Un abbraccio che avrà un seguito. "Sono felice di essere qui a Rondine, per me è stata una grande scoperta. Non so ancora su cosa farò il mio secondo film ma tornerò".

Questo è YouTopic Fest 2024 che terrà banco a Rondine fino a sabato 1° giugno con un cartellone serrato. Scopri il programma e iscrivi per partecipare gratuitamente https://youtopicfest.rondine.org/. Il festival è realizzato con il patrocinio di: Regione Toscana, Consiglio Regionale della Toscana, Provincia di Arezzo, Comune di Arezzo, Comune di Castiglion Fibocchi e Diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, Unione dei Comuni del Pratomagno.

Con il contributo di Tutela Legale, Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, Istituto per il Credito Sportivo. Con il sostegno di Estra S.p.A., Chimet, Camera di Commercio Arezzo Siena, BDC School, COINGAS S.p.A.

In collaborazione con Festival dei Cammini di Francesco, Sustainability Award, Solea, BARTLEBYFILM, Medusa Film, Fondazione il Cuore si scioglie, Unicoop Firenze, Coldiretti Arezzo, Anna Lindh Foundation, Sugar, Castiglione del Cinema, Fattoria La Vialla, Fondazione Arezzo InTour, D.O.G. Operatori di strada. Con la media partnership di QN-La Nazione, Famiglia Cristiana, Vatican News, Radio Vaticana.

Tags: EF-A Rondine Cittadella della Pace YouTopic Fest