Caccia al cinghiale, Oipa: "Anche in aree non vocate, passeggiate e escursioni più pericolose"

. Inserito in Ambiente

"Invece di ricorrere a metodi alternativi non cruenti, come la sterilizzazione, per la gestione della popolazione del cinghiale, la cui crescita è stata determinata da immissioni forzate sul territorio, si scatenano le doppiette mettendo a rischio la pubblica incolumità", scrivono dall'Organizzazione Internazionale Protezione Animali sulla novità normativa efficace fra poche ore in Toscana

Da domani sarà possibile cacciare i cinghiali anche fuori dai boschi. La delibera n. 843 approvata lo scorso 6 luglio dalla Giunta della Regione Toscana ha introdotto la possibilità di svolgere la caccia al cinghiale in braccata, quindi con i cani, anche nelle aree "non vocate" nel periodo ottobre-dicembre 2020, due giorni alla settimana, allo scopo di aumentare la "strage di cinghiali accusati di aver provocato danni alle colture", si legge in una nota stampa dell'organizzazione animalista.

"La Regione Toscana sembra ignorare che ogni anno, oltre alle vittime animali, si aggiungono le vittime umane dell'attività venatoria", osserva Massimo Comparotto, presidente dell'Oipa. "Aggiungere le 'aree non vocate' alla caccia al cinghiale e cioè, come si legge nella delibera, le aree cespugliate e boscate che offrono rifugio ai cinghiali, costituisce un maggior rischio per i cittadini e una limitazione alla libera circolazione. Da domani, fare una passeggiata o un'escursione anche nelle 'aree non vocate' sarà a proprio rischio e pericolo. Invece di ricorrere a metodi alternativi non cruenti, come la sterilizzazione, per la gestione della popolazione del cinghiale, la cui crescita è stata determinata da immissioni forzate sul territorio, si scatenano le doppiette mettendo a rischio la pubblica incolumità".

Tags: Regione Toscana caccia Oipa Massimo Comparotto