San Donato, i festeggiamenti del patrono di Arezzo ai tempi della pandemia

. Inserito in Attualità

Arezzo non ha rinunciato alle celebrazioni del Santo patrono Donato: sia la cerimonia dell'offerta dei ceri in Cattedrale, che il tradizionale spettacolo di fuochi artificiali, si sono svolti seguendo tutti gli accorgimenti del caso. Tanta gente al Prato, distanziamento garantito

L'offerta del cero a San Donato, patrono di Arezzo, in forma "ridotta" senza sfilata e gruppi storici, direttamente in cattedrale, con il pubblico  limitato a 200 persone, distanziato e con mascherina protettiva. La parata di sindaci e amministratori da tutta la Provincia

Guarda la gallery

San Donato, l'offerta del cero in Cattedrale per 200

Lo spettacolo pirotecnico, per il secondo anno consecutivo curato dalla Fondazione Arezzo Intour dalla Fortezza Medicea. Un omaggio alla Giostra del Saracino: in cielo i colori dei Quartieri e quelli dell’oro, ad evocare la caratteristica produttiva più tipica del nostro territorio.

In osservanza della normativa anti-COVID, l'accesso alla tradizionale platea del Prato è stato consentito solo con mascherine indossate e nel rispetto del distanziamento interpersonale di almeno un metro. 

Guarda la gallery

San Donato, dalla Fortezza Medicea di Arezzo i fuochi con i colori dell'oro e dei Quartieri

Tags: San Donato Patrono fuochi artificiali