Pericolo truffe ad Arezzo, tutte le raccomandazioni del Gruppo Enel

. Inserito in Attualità

In seguito ad alcune segnalazioni arrivate da Arezzo, il Gruppo Enel fornisce consigli utili per difendersi dalle truffe, sia telefoniche che "porta a porta".

In questo periodo ad Arezzo sono in corso le operazioni di sostituzione dei contatori da parte di E-Distribuzione, la società del Gruppo Enel che gestisce la rete elettrica di media e bassa tensione. L'attività interessa le località Pratantico, Rigutino e Battifolle e vede l'azienda installare gli Open Meter, la nuova generazione di contatori elettronici: in aggiunta ai servizi di telelettura e telegestione disponibili già con gli attuali apparecchi, il contatore intelligente 2.0 offre ai clienti informazioni sempre più puntuali per il monitoraggio dei consumi e consente di abilitare i servizi innovativi di domotica, la cosiddetta smart home. Con il nuovo contatore è infatti possibile verificare in ogni istante l'energia consumata nelle diverse fasce orarie del giorno ed analizzare la potenza mediamente assorbita ogni quarto d'ora, in modo da avere maggiore consapevolezza dei propri consumi.

L'intervento di sostituzione del contatore è completamente gratuito e i clienti non devono versare alcun compenso al personale impegnato nell'operazione. Inoltre, non è necessario fornire nessun dato del proprio contratto di fornitura elettrica, perché il rinnovo del contatore non riguarda il rapporto commerciale del cliente con le società di vendita. I tecnici accedono al solo vano contatori - e non all'impianto privato dei clienti -, e svolgono l'operazione in pochi minuti. Al fine di tutelare i cittadini, ogni operatore, dipendente di E-Distribuzione o di impresa appaltatrice, è dotato di tesserino identificativo con fotografia e tutti i dati. Inoltre, è possibile accertare l'identità chiedendo al tecnico di generare un codice PIN che, chiamando il numero verde 80 35 00 (selezionare tasto 4) oppure utilizzando il servizio dedicato su app o sul sito web di E-Distribuzione, consente di acquisire i dati anagrafici dell'incaricato alla sostituzione.

Per quanto riguarda invece le questioni commerciali, Enel Energia ricorda che dal 1 giugno 2017 non effettua più chiamate telefoniche dirette a potenziali nuovi clienti con proposte commerciali. Relativamente ai contratti "porta a porta", Enel Energia informa che chiunque si presenti a domicilio per conto di Enel Energia, che si tratti di dipendenti o di personale esterno incaricato, deve essere munito di tesserino plastificato con foto e dati di riconoscimento. Se qualcuno viene al domicilio a nome dell'azienda bisogna sempre chiedere di visionare il tesserino con tutti i riferimenti. Inoltre, nessuno è autorizzato a riscuotere o restituire somme di denaro a domicilio per conto di Enel. Per ulteriore verifica, il cliente può accertare con una telefonata al numero verde 800 900 860 (Enel Energia) che l'agenzia di vendita faccia realmente parte di quelle che lavorano per Enel.

Chi presenta offerte per conto di Enel Energia è in possesso di moduli e materiali informativi chiaramente riferibili all'azienda. Enel Energia invita quindi a richiederne la visione e ricorda che è opportuno leggere bene prima di firmare ogni documento. Chi propone contratti a domicilio può richiedere di visionare l'ultima fattura per individuare insieme al cliente la soluzione più adeguata ai consumi e, solo in caso di adesione a un'offerta, la bolletta può essere utilizzata per recuperare i dati relativi alla fornitura. Gli agenti specializzati o gli smart agent di Enel Energia possono presentarsi al domicilio dei clienti anche senza appuntamento, l'importante è che rispettino la condotta suddetta. Enel Energia segnala infine che, oltre al sito web https://www.enel.it/ e ai canali digitali, sul territorio sono presenti numerosi Spazi Enel, punti fisici in cui è possibile rivolgersi a consulenti competenti per le forniture di elettricità, gas ed efficienza energetica.

Tags: Enel truffe