Treni investiti da uragano, emergenza in galleria: scenario da incubo nella simulazione di protezione civile

. Inserito in Attualità

Nel Comune di Cortona un treno Frecciarossa e un treno Italo che viaggiano sulla linea direttissima Firenze-Roma in direzione della Capitale vengono investiti, nei pressi della galleria San Lorenzo, da un violento temporale, accompagnato da una grandinata di grosse dimensioni.

I rami degli alberi sradicati dal vento e l'eccezionale grandinata danneggiano i finestrini di alcune carrozze di un treno, causando feriti a bordo, ingombro sul binario ferroviario e danni alla linea di trazione elettrica, con conseguente arresto di entrambi i convogli ferroviari in aperta campagna. Per l'interruzione dell'energia elettrica e il blocco della linea si rendono necessari il soccorso ai feriti, l'assistenza ai passeggeri e l'evacuazione di tutte le persone coinvolte.

Questo lo scenario dell'esercitazione di protezione civile "Farneta 2019" che si è svolta nella notte tra venerdì 6 e sabato 7 dicembre. Una simulazione importante per l'intero Sistema Provinciale Integrato di protezione civile (Prefettura di Arezzo, Servizio Protezione Civile della Provincia, Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e Centrale Operativa 118), nata dalla collaborazione con il Gruppo Ferrovie dello Stato (RFI, Trenitalia, Busitalia) e NTV - Nuovo Trasporto Viaggiatori e che ha visto anche il coinvolgimento del Comune di Cortona, del Compartimento per la Toscana della Specialità della Polizia Ferroviaria della Polizia di Stato, delle forze di polizia e delle associazioni di volontariato di protezione civile del territorio.

Lo scenario emergenziale ha previsto l'intervento del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e del 118 di Arezzo, che si sono occupati del soccorso ai feriti e dell'evacuazione dei passeggeri, con l'ausilio del personale di Rete Ferroviaria Italiana e dei volontari di protezione civile, coordinati dalla Provincia di Arezzo. Per raggiungere uno dei due treni, i soccorritori hanno utilizzato gli accessi esistenti all'infrastruttura ferroviaria. I viaggiatori incolumi sono stati portati lontano dalla scena dell'evento, mediante alcuni autobus di Busitalia fatti accorrere sul posto. Nel frattempo, in Prefettura, si è riunito il Centro di Coordinamento Soccorsi, che ha curato il raccordo tra enti e strutture interessate e la gestione degli interventi.

All'esercitazione hanno partecipato anche alcuni volontari dell'associazione Autismo Arezzo, che hanno impersonato un passeggero affetto da autismo e hanno fornito ai Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Arezzo le informazioni utili sulle strategie di intervento nel soccorso a soggetti con diagnosi di spettro dell'autismo, al fine di incrementare le conoscenze e le forme di interazione con persone autistiche.

Gli obiettivi principali dell'esercitazione sono stati quelli di sperimentare il Piano generale di emergenza esterna delle gallerie ferroviarie della Provincia di Arezzo, testare l'efficacia delle procedure e dei tempi di risposta delle strutture del territorio dal momento dell'allarme, verificare il sistema di soccorso tecnico urgente, quello sanitario e di assistenza ai viaggiatori, nonché il flusso informativo tra le strutture coinvolte. Successivamente sarà organizzata una riunione di debriefing, per analizzare le azioni svolte, allo scopo di individuare le eventuali criticità e apportare le misure migliorative alle procedure di emergenza.

Tags: Prefettura Arezzo Associazione Autismo Arezzo Comune di Cortona Protezione Civile esercitazione