"Garantiamo i nostri anziani": le proposte di Ralli per gli over aretini

. Inserito in Politica

"Iniziamo da chi ha più bisogno. Ad Arezzo ci sono circa 15.000 anziani che vivono soli o in coppie composte da soli anziani e 2.000 sono non autosufficienti". Lo afferma il candidato sindaco per il centrosinistra Luciano Ralli

"Chi pensa che possano farcela da soli, rifletta sul fatto che la loro pensione media lorda non arriva agli 800 euro al mese. E ricordiamo che ci sono 2.000 famiglie con un congiunto con seri problemi di salute e di autonomia. Se questo è il presente, il futuro è immaginabile: gli anziani aumentano del 12% e la popolazione totale diminuisce di quasi l'1%.

Dinanzi a questa situazione, sono necessarie azioni immediate. Ne cito alcune. La creazione di centri polivalenti di servizio che facilitino la vita al cittadino con la messa in rete di figure professionali quali medico di famiglia, l'ormai prossimo infermiere di famiglia, riabilitazione, segretariato sociale... Lo svilupparsi della non autosufficienza incrementa la domanda delle famiglie per badanti qualificate e professionalizzate: quindi la creazione di un albo al quale le famiglie possano attingere. Contemporaneamente va aumentato il numero degli anziani presi in carico nei servizi di assistenza domiciliare sociale e socio-sanitaria integrata, arrivando ad una quota consistente della popolazione anziana. Fondamentale anche una rete di servizi diurni per persone fragili e non autosufficienti, con una distribuzione nelle frazioni. Infine una rete di sportelli di ascolto sociale nei quartieri e nelle frazioni.

Centrale sarà infine un 'piano regolatore' delle Rsa, puntando su medie e piccole dimensioni con standard abitativi elevati e con la presenza di più servizi al loro interno, utili sia agli ospiti che alle loro famiglie".

Tags: Comune di Arezzo Anziani Rsa Elezioni comunali Arezzo Luciano Ralli