Soccorritore di base: tre settimane per le conoscenze indispensabili

. Inserito in Sanità

Come acquisire in tre settimane tutte le conoscenze indispensabili per sostenere le funzioni vitali di base – con le sole proprie mani, le capacità apprese e il sangue freddo della consapevolezza – nei casi di immediato pericolo di vita. Questo e molto altro nel corso per soccorritore di livello base in avvio a giorni presso la Misericordia di Arezzo. Qui le info e i MODULI per iscriversi.

Tutti possono farlo: ed è proprio questo il messaggio principale e il motivo primario per cui questo corso è rivolto a ogni concittadino.

Perché non occorre affatto essere supereroi per aiutare il prossimo, specie nel momento in cui possiamo essere solo noi a farlo; bastano un pizzico di conoscenze ben apprese, con poche abilità manuali esercitate e la ponderazione che scaturisce proprio dalla consapevolezza di aver imparato qualcosa di utile.

Talmente utile che potrebbe rivelarsi addirittura prezioso in qualsiasi momento dell’esistenza, in qualunque posto o circostanza, a noi stessi o a nostri cari, sempre.

Anche se spesso rifuggiamo l’idea, è infatti noto che malori gravi, incidenti, infortuni possono diventare eventi improvvisi e brutali; e potremmo trovarci a essere gli unici, in quegli attimi che nessuno si augura di sperimentare, a poter essere d’aiuto, talvolta addirittura a salvare una vita.

È allora che saper riconoscere la gravità della situazione, saper allertare i soccorsi preposti, intervenire senza mettere a repentaglio la propria incolumità e saper assicurare con poche, essenziali manovre il necessario supporto alle funzioni vitali di base di una vittima (circolazione del sangue e respirazione) diventa ciò che consentirà di far trovare ai soccorritori professionisti che sopraggiungeranno un essere umano ancora salvabile, talvolta letteralmente “richiamabile in vita”.

Pochi attimi, al massimo alcuni minuti, in cui se invece non facciamo nulla di nulla, se assistiamo passivamente senza agire, cancelliamo l’unico possibile spazio/tempo di salvabilità di quella vittima, azzeriamo il suo solo margine di speranza.

È un “tempo di nessuno” in cui solo chi è sul posto dell’evento può dunque fare la differenza: e potrebbe trattarsi di ciascuno di noi. A ognuno di noi potrebbe capitare di diventare “quel” soccorritore occasionale sul posto.

Dunque la maggior opportunità di questo corso consiste in quanto detto fin qui, oltre naturalmente al fatto che è necessario per entrare dalla via maestra nel mondo del volontariato socio-sanitario, poiché conferisce le necessarie conoscenze anche in tema di automezzi sanitari attrezzati, ambulanze e presidi di trasporto vari; ruolo del soccorritore nel volontariato, sia in ambito sociale sia del sistema territoriale dell'emergenza-urgenza; ed è la base - appunto - per chi poi vorrà proseguire con il corso di livello avanzato (che verrà svolto in seguito e di cu riparleremo). 

Ebbene… questo corso base dura 20 ore in totale, è gratuito, si svolge presso la sede della Misericordia in via Garibaldi 143 ad Arezzo, in orario serale, inizia il giorno 25 ottobre e termina il 13 novembre, ci si può iscrivere fino al 22 ottobre consegnando in segreteria in orario ufficio la domanda d’iscrizione (anch’essa scaricabile e stampabile qui in fondo all’articolo e nel nostro sito internet istituzionale www.misericordiaarezzo.it ) o anche recapitandolo in email a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , in ogni caso ci si può sempre informare presso la nostra segreteria anche telefonicamente in orario d’ufficio al 0575.24242 oppure al 345.6814155.

Per la frequenza al corso è richiesta l’iscrizione alla Misericordia di Arezzo e il possesso del green-pass, che andrà allegato alla domanda d’iscrizione.

Il corso sarà svolto in presenza e nel pieno rispetto delle norme anti-Covid. "Vi aspettiamo, non ve ne pentirete mai!".

Tags: EF-B Misericordia di Arezzo

Romano Barluzzi

Romano Barluzzi

Highlander dalle molte vite, tra cui ne spiccano due - da tecnico sociosanitario e da istruttore subacqueo - coltivo con inguaribile curiosità la passione per i mestieri più a rischio d'estinguersi, perciò mi ostino a fare il giornalista.