Vaccini Pfizer, garantita la seconda dose. Al via il vaccino Moderna anche ad Arezzo

. Inserito in Sanità

Ad Arezzo nella nuova struttura esterna al Pronto soccorso del San Donato, le prime somministrazioni riservate agli operatori del 118: sia quelli delle associazioni di volontariato che quelli dell'Asl Tse

Sono confermati come da calendario stabilito gli appuntamenti per la somministrazione delle prime dosi del vaccino Pfizer BioNTech di domani domenica 17 gennaio e delle seconde dosi che partiranno sempre domani, domenica 17 gennaio, e che proseguiranno regolarmente nei giorni successivi. In via precauzionale è stato invece deciso di annullare le prenotazioni della prima dose previste per i giorni 18, 19, 20 e 21 gennaio per garantire la disponibilità della seconda dose a tutti coloro a cui è già stata somministrata la prima. Questo in seguito alla notizia delle riduzioni nelle consegne europee del vaccino da parte dell’azienda. Tale rimodulazione è agevolata dal sistema digitale di prenotazione che consente di comunicare tempestivamente con i cittadini anche attraverso un semplice sms. Le agende per le prime somministrazioni verranno riaperte non appena avremo certezza di nuove forniture da parte di Pfizer BioNTech, tali da consentire la ripresa delle prenotazioni.

Al via da lunedì, 18 gennaio, la somministrazione delle prime 5.300 dosi di vaccino messo a punto dall'azienda farmaceutica americana Moderna, arrivate in Toscana lo scorso 13 gennaio.  Le dosi sono riservate agli operatori del 118: sia quelli delle associazioni di volontariato che quelli dell'Asl Tse. I destinatari potenziali sono 2.140: 773 ad Arezzo, 712 a Grosseto e 655 a Siena. La prossima settimana saranno sottoposti a vaccinazione in 1.085 nelle tre province: 390 ad Arezzo, 360 a Grosseto e 330 a Siena.
Il Direttore del 118, Mandò e il Direttore generale D'Urso saranno a disposizione dei giornalisti alle ore 10.30  di lunedì 18 gennaio nella struttura mobile allestita all'esterno del pronto soccorso dell'ospedale San Donato dove verranno eseguite le vaccinazioni.

I primi a essere vaccinati con il siero prodotto da Moderna saranno gli operatori dei servizi di emergenza-urgenza e i volontari impegnati nei trasporti sanitari (tra le categorie coinvolte nella fase 1), che avevano già effettuato la pre-adesione a dicembre e per le quali sono già state aperte le prenotazioni. La somministrazione del vaccino avverrà in spazi appositamente allestiti presso: la Centrale 118 di Pistoia e l’ospedale “San Giovanni di Dio” a Firenze (Asl Centro); gli ospedali di Livorno e della Versilia (Asl Nord Ovest); l’ospedale “Misericordia” di Grosseto e le Centrali 118 di Siena e Arezzo (nei locali dell’ospedale “San Donato” della Asl Sud Est). Delle 5.300 dosi di vaccino Moderna 1.800 sono state consegnate a Livorno per la Asl Nord Ovest; altrettante 1.800 dosi a Prato per la Centro e 1700 a Grosseto per la Sud Est. “Ampliamo la nostra capacità vaccinale, utilizzando i vaccini Moderna a partire da queste categorie più esposte al contagio e che sono tra quelle della fase 1, soprattutto perché sono in grado di organizzare in autonomia i punti vaccinali e le somministrazioni, con l’ausilio dei medici del 118 - spiega l’assessore alla sanità, Simone Bezzini -. Questo per noi significa anche viaggiare a doppia velocità, perché ci consente di portare avanti, in contemporanea, le vaccinazioni nelle strutture ospedaliere secondo il calendario vaccinale previsto, come da agende già prenotate. In più aumentiamo il numero di medici e infermieri, che possono eseguire il vaccino”. 



Tags: Asl Toscana sud est