Trasporti, per Veneri e Capecchi “in Autolinee Toscane manca un corretto rapporto con le maestranze”

. Inserito in Politica

Dopo il caso del neo autista che, salito sul bus per apprendere il percorso tra Arezzo e Indicatore, è stato costretto a fare il biglietto. “La priorità di Autolinee Toscane dovrebbe essere quella di ridurre al minimo i disservizi soprattutto sulle linee deboli, invece si registrano tagli che creano disagi per lavoratori, studenti e turisti”.
C’è un clima poco proficuo in Autolinee Toscane, manca un corretto rapporto con le maestranze. I verificatori di una ditta esterna, incentivati economicamente a fare multe, si trasformano in sceriffi del controllo! E spesso ad ogni controllo i mezzi perdono minuti preziosi sulla propria tabella di marcia” dichiarano i Consiglieri regionali di Fratelli d’Italia Alessandro Capecchi, vicepresidente della Commissione Trasporti, e Gabriele Veneri, dopo il caso del neo autista che, salito sul bus per apprendere il percorso tra Arezzo e Indicatore, è stato costretto a fare il biglietto.
 
“Ed è anche andata bene al neo assunto perché il verificatore, in un primo momento, voleva fargli la multa per non avere il biglietto, poi, dopo le spiegazioni del conducente, ha acconsentito ad evitargli la sanzione ma solo se avesse acquistato un biglietto da 1,50 euro. Visto che i verificatori sono incaricati dalla Regione Toscana, chiediamo all’assessore Baccelli di frenare tale intransigenza, anche l’utenza” sottolineano Capecchi e Veneri.
 
La priorità di Autolinee Toscane dovrebbe essere quella di ridurre al minimo i disservizi soprattutto sulle linee deboli, invece si registrano tagli che creano disagi per lavoratori, studenti e turisti. I disservizi lamentati dal territorio riguardano anche corse di autobus funzionali allo spostamento degli studenti in orario extra scolastico, che necessitano di collegamenti con gli istituti scolastici per partecipare ad attività e corsi formativi. I tagli delle linee extraurbane nei territori turistici interessano tratte molto frequentate, soprattutto nel periodo estivo”.

Tags: Gabriele Veneri Alessandro Capecchi