Podere Rota, il comitato contro l’ampliamento: “Consiglieri terranuovesi, vi rendete conto quello che sta accadendo?”

. Inserito in Politica

La prima audizione pubblica tenutasi la scorsa settimana ha, indubbiamente, lasciato non pochi strascichi tra coloro, come il comitato delle vittime di Podere Rota che chiedono, a gran voce, ormai da anni, la chiusura della discarica entro il 2021.

E di questi giorni un nuovo comunicato emesso da questo gruppo di cittadini che, nella fattispecie, punta l’indice stavolta sull’amministrazione comunale di Terranuova Bracciolini, in particolar modo sui consiglieri di maggioranza che, a detta loro, non stanno rendendosi conto del danno grossolano che coinvolge un’intera vallata. Ecco di seguito quanto diramato agli organi di stampa:

"Cari consiglieri di maggioranza del comune di Terranuova, non sappiamo se vi siete resi conto di quello che sta accadendo intorno a voi: un intero territorio sta chiedendo a gran voce la chiusura definitiva del sito di podere Rota! Sindaci, forze politiche da sinistra a destra, comitati, cittadini qualunque, si stanno mobilitando per chiedere alla regione lo stop al progetto di ampliamento della discarica da parte di CSAI.” Già ma chi è CSAI? Lo sapete vero? Sapete che per il 40% siete voi? e che insieme agli altri comuni ne avete la maggioranza? Sapete che senza il vostro consenso non sarebbe partita la richiesta di ampliamento? Sapete che voi, se volete, potete NON votare la variazione urbanistica? Vi nascondete dietro la Regione. Ma chi è la regione? Un’entità astratta, quasi divina, che ha il potere di decidere per voi? Benissimo, se è così dite al vostro primo cittadino di uscire pubblicamente e dire: “cari Valdarnesi, noi non c’entriamo niente! La regione ci IMPONE di allargare la discarica per prendere i rifiuti speciali da tutta la regione e fuori dalla stessa.” Ma se così non è, non potete nascondervi dietro il socio privato, perché questo appare: “che è il privato che chiede un ampliamento per rifiuti speciali e che ha facoltà di farlo. Ma anche un privato ha bisogno della vostra autorizzazione! E questa società ha solo il 40% delle quote private. Quindi cari consiglieri diteci da che parte state! Dalla parte del business? Da quella parte della regione che ha necessità di risolvere i problemi dei suoi rifiuti? (di Firenze e non solo...) O dalla parte del Valdarno, che dopo 30 anni di sfruttamento del territorio di aria irrespirabile e non solo, chiede semplicemente il rispetto degli impegni e cioè che il 2021 sia la data di CHIUSURA della discarica e non del suo ennesimo ampliamento? Noi attendiamo fiduciosi un vostro sussulto ! Ve lo chiedono oltre 50 mila persone...
Grazie"

Tags: Terranuova Bracciolini Podere Rota Discarica Podere Rota

Massimo Bagiardi

Massimo Bagiardi

Giornalista pubblicista da 20 anni ho da sempre curato la passione per lo sport e in particolare per la Sangiovannese calcio che seguo con passione ogni Domenica e in tutte le occasioni dal lontano 1989.

Amo la musica anni 80, ho creato e gestisco forzasangio.it sito che parla del magnifico mondo azzurro