Ufo, svelato il mistero: era l'elicottero del Bertelli

Ufo sopra Capolona, crisi dell'Arezzo, crisi di Governo

. Inserito in Notiziario Aretino della settimana

Ha destato curiosità e qualche affascinante mistero, a inizio settimana, la comparsa notturna di un corpo luminoso di colore rosso nei cieli aretini, in particolare sopra Capolona. Una testimone è riuscita a fare anche un video in cui è ben visibile questo oggetto volante rosso
Difficile dire di cosa si tratti, anche se molti hanno pensato a un drone di controllo. Dalla sede della Regione Toscana hanno fatto sapere che loro non ne sanno niente. Infatti il Presidente Giani ha detto che sebbene in Regione facciano le cose a "ufo", se l'oggetto era rosso, loro col rosso non c'entrano più niente da un pezzo. Allora l'oggetto potrebbe essere partito da Arezzo, dove già esiste il C/DRONE diurno municipale di controllo, e quindi ne potrebbe essere stato creato uno notturno. E in questo caso, dopo il C/DRONE, questo nuovo arrivato, essendo rosso potrebbe essere stato nominato PEPE/DRONE. Si rafforzerebbe così la flotta volante di "ortaggi" che ci volano sulla testa. Col rischio che prima o poi, dopo cidroni e peperoni, di volante in cielo non arrivi anche qualche fava. Secondo molti, una fava volante è l'elicottero del Bertelli, anche se ora sono in Nuova Zelanda. Mentre di sicuro, un'altra cosa che vola da tempo su Arezzo è il prezzo dell'acqua pubblica; e anche quello è una fava de niente!
Sviluppi aretini sulle produzioni mondiali dei vaccini. La casa farmaceutica Vicks, dopo il successo per la cura del raffreddore del prodotto Vicks Sinex Aloe (di chiara origine aretina) sta sperimentando nel nostro territorio alcune ricerche per produrre un proprio vaccino; vi terremo informati.
Quella passata ad Arezzo, è stata la settimana delle candele.
Dal punto di vista religioso, infatti, è stata la settimana della Candelora, mentre dal punto di vista sportivo/calcistico c'è stato il derby delle "candele", con allo Stadio la partita tra il Gubbio, città dei Ceri, e l'Arezzo, città dei... moccoli. Si perché purtroppo quest'anno la squadra amaranto cittadina produce molti moccoli ai suoi purtroppo pochi tifosi. Così c'è stata un'altra sconfitta, che segue quella di domenica col Perugia, per noi ancora più dolorosa. E quindi con le umbre... solo ombre. Ma l'Arezzo quest'anno non fa distinzioni di Regione, infatti perde con tutti. Qualsiasi squadra può battere l'Arezzo, anche una squadra di caccia al cinghiale (con rispetto per quest'ultima). Secondo calcoli matematici perde più l'Arezzo che un colino per i maccheroni.
Ecco che allora la squadra è stata portata in "ritiro" a Coverciano dove di solito va la nazionale di calcio a preparare gli Europei o i Mondiali. Ma per l'Arezzo di mondiale ci sono le figurine, ma non le figurine dei calciatori Panini, ma le figurine... di m..... I tifosi giustamente sono stanchi, e non meritano questo scempio. Speriamo che le cose cambino e che i giocatori abbiano il rispetto verso la squadra e la città dove giocano, visto che per ora l'hanno rispettata come la faina rispetta un pollaio (ma in questo caso, specie quando giocano, i polli sono loro).
Continuano le partecipazioni aretine nelle trasmissioni televisive nazionali. Dopo aver visto aretini dalla De Filippi e dopo aver visto una chef casentinese trionfare meritatamente a Cuochi D'Italia con Borghese, una ragazza valdarnese fa parte delle reclute alla trasmissione "La caserma". Per non parlare del tuttologo aretino Andrea Scanzi, che in presenze in Tv è dietro solo a Barbara D'Urso. Ma mentre la D'Urso fa alzare gli indici di ascolto, Scanzi più che gli indici fa alzare i medi (i diti) a molti spettatori. La voce clamorosa è che Scanzi e la D'Urso presenteranno presto insieme la trasmissione Linea Verde. In effetti tutti e due ricordano molto le battiture del grano, afienano parecchio.
Anche gli sviluppi della crisi di Governo hanno diverse componenti aretine. Il Presidente incaricato Draghi a Montecitorio riceve le delegazioni dei Partiti nella Sala della Lupa. Che sia un segnale premonitore che ci sarà da bestemmiare? Usando una metafora aretina diciamo che il segnale è poco bello... come diceva il rospo che vedeva il contadino che faceva il palo a punta. Ma per ora Draghi ha quasi convinto tutti i Partiti. Fino ad ora non lo poteva vedere nessuno, mentre adesso a sentire politici e giornalisti, lo vedono bene tutti... lo vedrebbe bene anche la cieca de Guazzino!
Per l'eventuale nome da dare a questa alleanza di Governo, e sul futuro del suo operato, si pensa a sigle di derivazione aretina. La prima è SCDC che significherebbe (Svolta Centrista Democratica Comunitaria) ma la derivazione aretina sarebbe (Saran Cazzi Da Cacare). La seconda è EUCFFV (Europeisti Unione Comunitaria Federale Fratellanza Virale) ma La derivazione aretina sarebbe (E Un Ce Fa Freddo Vai). O anche SCB, (Solidarietà Conformista Bipolare) che peró in realtà sarebbe (Segnete Che Balena).
Anche il Sindaco Ghinelli è stato contattato telefonicamente da Draghi. Il Sindaco a sua volta avrebbe detto a Draghi: "O come mai con te ce voglion venire tutti e quelli che erano con me ne scappa uno al giorno?"
E per finire l'oroscopo: se nella settimana che precede San Valentino vi sentiste soli, andate con Draghi; tanto con lui ce van tutti!

Tags: S.S. Arezzo Ufo Mario Draghi

Franco Gori

Franco Gori

Ho 52 anni, sono un operaio e vivo ad Arezzo. Mi è sempre piaciuto ascoltare e  leggere chi fa satira o ironia. Il notiziario è nato sul gruppo Facebook "Sei di Arezzo se" e finora non sono mancati gli spunti e la fantasia per pubblicarne uno ogni settimana. Con la speranza, nel gruppo e fuori, di non annoiare, offendere o provocare nessuno. Fa bene scherzare sui nostri difetti, secondo me ad Arezzo abbiamo sempre faticato a farlo. Ogni tanto meglio provarci, almeno!