Per Ghinelli il rinvio a giudizio nella vicenda Coingas. Finirà in una bolla di sapone o di gas?

. Inserito in Notiziario Aretino della settimana

Dopo che il premier Giuseppe Conte ha coinvolto il cantante Fedez e la moglie Chiara Ferragni nella realizzazione di un video per sensibilizzare all'uso delle mascherine, si sta pensando di fare la stessa cosa anche ad Arezzo, con la collaborazione di cittadini famosi

Ecco allora alcuni messaggi dei vip aretini che vedremo nei filmati. Apre le danze il sindaco Alessandro Ghinelli: "Ci siamo... Gasati troppo presto che fosse finita. Contro i cidroni, ci rivuole il mio C-drone". A seguire, Don Alvaro: "Il virus è indiavolato, ma lo tireremo fuori!" e l'ex vicesindaco Gianfrancesco Gamurrini: "Asfalteremo questo maledetto virus!". Poi voce agli imprenditori. "Se ci vorranno misure di ferro da prendere, noi siamo pronti", lo slogan della Ditta Alterini; il panificio Menchetti si appella: "Lasciateci un po' di lievito di birra". Si aggiungono al coro Patrizio Bertelli e Pinuccia Prada: "Oltre alla mascherina, usate le scarpe e le borse giuste". Ospiti pure il Lucertola: "Manteniamo la lucidità!" e la squadra dell'Arezzo Calcio: "Difendetevi dal virus, non come noi in campo!"(12 gol presi nelle ultime tre partite). Dulcis in fundo, le frasi di prestigiosi personaggi storici aretini, come San Donato - "Non perdiamo la testa, usiamo la mascherina" - e Francesco Petrarca ("Con l'aiuto di tutti, le canteremo al virus!").

Sempre Conte, visto il successo dell'iniziativa, ha deciso di continuare a identificare con sigle aretine i propri Dpcm in materia di pandemia. Così, dopo le Fasi Scb - Segnete Che Balena e Sag - Se Archiude Gnicosa, sono pronti i prossimi provvedimenti denominati Usap (Un Se Arguvisce Più) per le emergenze ospedaliere, Asde (Alora Siamo Duri Eh) per chi non sta alle regole e Bnus (Buon Natale Una Sega) in prospettiva delle feste natalizie. La risalita dei contagi ha portato inoltre all'inevitabile annullamento dei mercatini tirolesi, che verranno sostituiti con Arezzo Christmas Light: la città sarà illuminata da giochi di luci colorate e animate, proiezioni, luminarie, stelle, torce, candeline, ma soprattutto moccoli... Parecchi moccoli! Per sperimentare l'evento, il semaforo dell'incrocio tra via Crispi e via Giotto da una settimana non funziona e lampeggia come le lucine a intermittenza del presepe. Il solo vantaggio è che l'adiacente palazzo dell'Inps da altrettanto tempo non vede il rosso del semaforo e quindi Arezzo è l'unica città dove l'Inps non è in rosso.

Con l'imminente coprifuoco e le chiusure anticipate, specialmente i sabato sera saranno purtroppo diversi. Al massimo potremo trasgredire assumendo la posizione di John Travolta che interpreta Tony Manero quando verremo controllati con i termoscanner, perché se avremo la febbre almeno sarebbe "La febbre del sabato sera"! L'app Immuni, che non riesce a rintracciare il positivo nemmeno nelle batterie delle macchine, inizierà su richiesta a segnalare dove trovare i funghi, l'Amuchina, le mascherine e il lievito di birra... E poi dicono che serve a poco.

È stata la settimana di insediamento delle giunte. In quella regionale non ci sarà nessun aretino, dato che il governatore Eugenio Giani con gli eletti delle nostre parti si è avvalso del criterio Mcds (Manco Cacati Di Striscio), che per Arezzo l'ente usa da tempo. I dem aretini si sono lamentati di questo ma, oltre a non essere presi in considerazione dalla Regione, anche gli elettori li hanno calcolati poco - basta guardare i risultati a livello comunale -.

Per la giunta di Palazzo Cavallo invece Ghinelli ha presentato la sua squadra nel primo Consiglio comunale, nominando gli assessori. Il problema per lui è che è stato a sua volta nominato tra i rinviati a giudizio per la vicenda Coingas. E pensare che la prima Assise comunale si è svolta al Centro Affari per motivi di sicurezza. Ma, secondo il procuratore Rossi, il sindaco al centro di affari c'era da prima... L'augurio per lui e per la città è che tutto finisca in una bolla di sapone, e non in bollicine di gas.

Concludiamo con l'oroscopo: occhio a sbagliare o fare errori. Se proprio dovete prendere una cappella fatelo al bosco, quando cercate i funghi!

Tags: oroscopo DPCM Arezzo Christmas Light

Franco Gori

Franco Gori

Ho 52 anni, sono un operaio e vivo ad Arezzo. Mi è sempre piaciuto ascoltare e  leggere chi fa satira o ironia. Il notiziario è nato sul gruppo Facebook "Sei di Arezzo se" e finora non sono mancati gli spunti e la fantasia per pubblicarne uno ogni settimana. Con la speranza, nel gruppo e fuori, di non annoiare, offendere o provocare nessuno. Fa bene scherzare sui nostri difetti, secondo me ad Arezzo abbiamo sempre faticato a farlo. Ogni tanto meglio provarci, almeno!