Castiglion Fiorentino, la processione del Cristo Morto tra mistero, fede e tradizione

. Inserito in Eventi e Cultura

Religione, ma anche mistero. Suggestione, ma soprattutto fede. I riti della settimana Santa a Castiglion Fiorentino testimoniano tradizioni religiose e forme di culto che affondano le loro radici in epoche molto antiche, ed esaltano lo spettatore per bellezza e drammaticità.

Dopo le processioni di martedì della Compagnia di Sant’Antonio, incappucciati bianchi, e quella di ieri sera della Buona Morte, vestita di nero, c’è grande attesa per la processione di Gesù morto, Compagnia del Gesù, che partirà dalla Chiesa della Collegiata. La processione del venerdì è una processione lenta e suggestiva che vive il suo momento più emozionante nel percorso a luci parzialmente spente di alcune vie del centro storico rischiarate dalle luci delle torce degli incappucciati. Le torce  accese in un’atmosfera di oscuritá, silenzio e raccoglimento attorno alla figura del Cristo morto accompagnano e avvicinano i tanti fedeli che partecipano ai riti della settimana santa ai misteri pasquali. Il giorno dopo a mezzanotte, presso la Collegiata, si terrà la tradizionale “volata” con la statua del Cristo Risorto. Il lunedì 22, giorno di pasquetta, processione di Gesù risorto. Partenza ore 17.00 da piazza della Collegiata.

In virtù della processioni nel centro storico sarà istituito il divieto di transito veicolare e di sosta dalle ore 17 alle ore 24 nelle strade interessate dal percorso del corteo religioso (piazza della Collegiata, via S. Giuliano, piazza del Collegio, via Roma, piazza S. Agostino, via Dante, piazza S. Francesco, piazza del Municipio e via San Michele). Dal giorno 16  al 28 aprile, causa presenza di cera sulla pavimentazione stradale, il limite massimo di velocità dei mezzi è a 10 km/h menttre per i pedoni si consiglia di usare la massima prudenza.

 

 

 

 

 

Tags: Castiglion Fiorentino