Successo per le etichette aretine al Vinitaly di Verona

. Inserito in Economia

Successo per le imprese vitivinicole aretine ospitate,  per la  cinquantatreesima edizione del Vinitaly di Verona, nello stand collettivo realizzato da Camera di Commercio  in collaborazione con l'Associazione Strada del Vino Terre di Arezzo.

Sono state 11 le aziende  a Verona nello stand dove ha anche  operato un “wine bar” curato in collaborazione con AIS Delegazione Arezzo, che ha presentato le etichette di altri 28 produttori vitivinicoli del territorio. Le oltre 150 etichette presentate hanno ricevuto riscontri molto positivi da buyer ed esperti del settore e lo stand, esteticamente tra i più belli del padiglione che ospitava i vini toscani,  è stato anche tra i più visitati, come ha potuto direttamente constatare una delegazione dell’Ente camerale guidata dal Segretario Generale Dott. Giuseppe Salvini presente nella giornata di ieri alla manifestazione.  

Il settore vitivinicolo aretino si conferma quindi come uno dei comparti produttivi più vivaci ed attivi del sistema economico locale in grado di conquistare, sopratutto in questi ultimi anni, ampi consensi ed interessanti spazi di mercato sia a livello nazionale che internazionale.  Peraltro, a differenza di altri settori, il mercato interno del vino, secondo il report  “Osservatorio Vinitaly-Nomisma Wine Monitor” ha evidenziato , nel 2018 , una crescita del 2,8  in termini di valore e con sostanziale stabilità di volume. In Italia quindi, a fronte di un export pari a 6 miliardi, si ha un consumo interno che raggiunge i 14,3 miliardi con 23 milioni di ettolitri venduti. Siamo quindi, per valore di consumi, il quarto mercato mondiale dopo gli Stati Uniti ( che hanno un consumo di vino per 35,5 miliardi), la Francia ( 21,6 miliardi), il Regno Unito ( 17, 1 miliardo). Subito dopo di noi si colloca la Germania che ha un consumo di 13, 8 miliardi.  

Ma il vino ha assunto un ruolo chiave anche sotto l’aspetto culturale e di valorizzazione dei territori di produzione. Sempre nella ricerca “Osservatorio Vinitaly-Nomisma Wine Monitor” sono contenuti dati interessanti sull’incidenza dell’enoturismo nella promozione dei territori. Oltre l’80 degli intervistati sarebbe interessato ad una escursione o vacanza da enoturista e tra le regioni italiane più gettonate per questo tipo di vacanza si colloca al primo posto proprio la Toscana, con il Senese e la zona del Chianti, con il 27% delle preferenze, seguita dal Piemonte con il 12% ( Langhe ed Asti) e dal Veneto con il 9%  (  Valdobbiadene). Una classifica rovesciata rispetto a quella relativa ai volumi di vino venduti a dimostrazione comunque della maggiore rilevanza qualitativa e paesaggistica raggiunta dal nostro territorio regionale.

Un ruolo chiave a tutela delle produzioni vitivinicole di qualità spetta senz'altro agli Enti camerali della regione, ad iniziare da quello di Arezzo-Siena  che hanno  favorito lo sviluppo e la conoscenza dei prodotti agroalimentari certificati,  con l'obiettivo di tutelare e proteggere il consumatore sulla garanzia di tracciabilità  dei prodotti locali ad iniziare dal Vino. L'impegno a promuovere, con un approccio integrato, la qualità, l'innovazione e la produttività nella filiera agroalimentare costituisce infatti una delle principali direttrici d'intervento  delle strategie pluriennali della Camera di Commercio che da oltre 45 anni opera a favore della certificazione dei vini a denominazione d'origine .

 

 

 

Tags: Camera di Commercio EF-B Vinitaly